RICOSTRUZIONE, STANZIATI FONDI A FABRIANO, CERRETO E SASSOFERRATO

Stanziati i fondi per la messa in sicurezza delle opere pubbliche danneggiate dal sisma del 2016, dalla costa all’entroterra fino a Fabriano: la Regione Marche eroga 101 milioni di euro, 80 nell’area del cratere. Il via libera dei fondi destinati alla ricostruzione è arrivato ieri, 13 dicembre, a Palazzo Raffaello. Soddisfazione a Fabriano e Cerreto d’Esi, le due città inserite nel cratere sismico dopo un lungo lavoro politico che aveva visto protagonista anche l’allora sindaco Giancarlo Sagramola, attuale segretario provinciale del Pd. Dopo la sospensione delle rate dei mutui per il 2017 e 2018, pioggia di soldi in arrivo.

Nel dettaglio ammonta a quota 7.482.200 euro i fondi derivanti dal piano delle opere pubbliche approvato che riguarda Fabriano: 5 milioni di euro sono destinati per la ricostruzione della scuola media Giovanni Paolo II e 1.246.000 euro per il nuovo edificio della scuola primaria di Marischio, una delle frazioni più popolose. Previsti interventi anche all’ufficio Anagrafe per 180.800 euro, a Palazzo Chiavelli, il municipio cittadino, e al Teatro Gentile per 900.000 euro. Prevista la messa in sicurezza del serbatoio per l’acquedotto di San Donato per un importo pari a 155.400 euro. Scuole in primo piano anche a Cerreto d’Esi: stanziati 6 milioni di euro per la ricostruzione del nuovo polo scolastico. “Si chiude – dichiara il segretario Pd locale, Angelo Cola – una vicenda dolorosa che aveva gettato allarme e preoccupazione in tutta la popolazione. Si conferma che era possibile trovare soluzioni alternative alle proposte della giunta Porcarelli che voleva trasferire gli alunni a Fabriano e che aveva portato i genitori a protestare in piazza. Ora vigileremo – conclude – perché l’amministrazione cerretese sia celere nel compiere gli atti che gli sono dovuti”. La giunta regionale ha anche stanziato 80mila euro per i lavori presso il cimitero di Sassoferrato.

Il punto del Pd Cerreto 

“La Regione Marche ha deliberato il piano delle opere pubbliche ed inserito Cerreto per la ricostruzione del nuovo polo scolastico per 6 milioni di euro. Il Pd cerretese valuta con enorme soddisfazione l’impegno profuso dagli organi regionali, la giunta, e il consigliere Enzo Giancarli che fin da subito ha accolto il nostro appello. Si chiude una vicenda dolorosa che aveva gettato allarme e preoccupazione in tutta la popolazione. Si conferma che, come affermavamo alcuni mesi fa, era possibile trovare soluzioni alternative alle proposte aberranti della giunta Porcarelli. Il nostro impegno ad evitare la deportazione degli alunni,mettere in sicurezza gli edifici scolastici,programmare la costruzione di un nuovo polo scolastico, si è rivelato vincente e lungimirante.Ci domandiamo:cosa sarebbe Cerreto se non  avessimo impedito al Sindaco di perseguire il suo scellerato progetto? Con l’impegno a livello locale e regionale, il Pd si conferma partito di governo credibile e affidabile a fianco dei cittadini. Ora vigileremo perché l’amministrazione cerretese sia celere nel compiere gli atti che gli sono dovuti”. Lo riferisce la segreteria Pd di Cerreto d’Esi in una nota. 

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy