E’ MORTO DON GIOVANNI COLA, LUTTO IN DIOCESI

E’ deceduto questa mattina, a 85 anni, don Giovanni Cola, ex parroco di Domo, Sant’Elia, alle pendici di monte San Vicino e poi di Attiggio e San Michele di Fabriano. Viveva alla casa del clero di via Gioberti dove si era trasferito negli ultimi tempi con il sopraggiungere di problemi di salute. Domani, mercoledì 8 novembre, alle ore 11, presso la Basilica Cattedrale di San Venanzio, il vescovo diocesano, monsignor Stefano Russo, celebrerà il funerale alla presenza dei familiari, dei suoi parrocchiani e di tutto il clero. “Un sacerdote originale – ricorda il vicario generale, monsignor Tonino Lasconi – perché è stato un punto di riferimento importante per i residenti di quelli che noi chiamiamo “paesi della montagna”. A Sant’Elia e Domo, ad esempio, per una vita è stato un esempio e una presenza concreta: aiutava i contadini a scrivere le pratiche da presentare negli uffici, accompagnava le persone alla Posta e molte volte andava lui stesso, per conto dei suoi parrocchiani, a sbrigare le pratiche burocratiche. A tutti dava consigli”. Parliamo del secondo dopoguerra quando i servizi erano pochi e i piccoli paesi lontani dalle grandi città non avevano mezzi e strumenti per muoversi e lavorare.

L’ultima parrocchia, fino alla pensione, è stata quella di San Michele. Qui tutti lo ricordano con affetto. Per questo sempre domani pomeriggio, mercoledì, la salma sosterà nella chiesa della frazione per un secondo funerale che si svolgerà dopo quello delle 11 a San Venanzio: tutto il paese pregherà per lui, alle ore 15,30, nel corso della Messa. Gli diremo grazie per la sua presenza e il suo impegno. A seguire la salma verrà sepolta nel cimitero di Cerreto d’Esi.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy