FABRIANO, IN QUATTRO DENUNCIATI AL PARCO PER UBRIACHEZZA MOLESTA

Quattro persone residenti a Fabriano, tutte tra i 25 e i 41 anni, sono state denunciate per ubriachezza molesta dagli agenti del commissariato cittadino. Uno di loro è stato anche segnalato come assuntore di sostanze stupefacenti. E’ accaduto ieri sera, 13 giugno, durante un controllo all’interno di un parco della città. Il gruppo è stato sorpreso mentre gridava e cantava a squarciagola. I quattro, stesi sull’erba con numerose bottiglie di vino, superalcolici e birra, sono già noti alle forze dell’ordine per reati contro la persona e per detenzione di droga. I poliziotti hanno chiesto loro i documenti per l’identificazione e tutti hanno mostrato un cerco nervosismo alla loro richiesta. Uno di loro, un 27enne residente in città, ha gettato a terra un fazzoletto appallottolato e ha cercato, un po’ goffamente, di nasconderlo tra la vegetazione con i piedi. Il gesto non è sfuggito alla polizia che ha intercettato subito quell’involucro contenente due sacchettini in cellophane con alcuni grammi di hashish. Il giovane è stato segnalato come assuntore e gli è stata ritirata la patente di guida. Il veicolo è stato affidato a un familiare giunto sul posto.  Tutti sono stati denunciati per ubriachezza molesta dagli agenti agli ordini del commissario capo Sandro Tommasi (foto).

Buio al Regina Margherita

Giardini pubblici Regina Margherita di Fabriano al buio e le mamme sono costrette a portare i bambini, dopo cena, a giocare sull’altalena e sullo scivolo al buio. Per ovviare a questo inconveniente alcune si sono attrezzate con la pila. E’ la singolare protesta contro il disservizio in uno dei posti più frequentati da giovani e non nei mesi estivi. “Frequentare il parco – hanno detto alcune mamme – è diventato pericoloso. Dopo cena, con queste belle giornate, non possiamo portare i figli a giocare in un’area gioca con l’illuminazione fuori servizio”.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy