PAPALE: “PEGGIORA LA CRISI INDUSTRIALE NEL FABRIANESE”

di Crescenzo Papale, candidato sindaco Fabriano – Partito Comunista dei Lavoratori

Le drammatiche recenti notizie provenienti dal martoriato “distretto industriale” Fabrianese confermano lo scenario preoccupante che incombe contro tutti i cittadini dell’entro-terra marchigiano. Il Partito Comunista dei Lavoratori sezione di Ancona dopo aver infinitamente, ma inutilmente denunciato l’assurdo modello monosettoriale, imposto da “una grande famiglia marchigiana”, registra con infinita preoccupazione l’imminente deterioramento che si profila per la Whirlpool, ex Merloni. La richiesta del tutto inaccettabile del Management della multinazionale degli USA, volta ad imporre lo spostamento di un numero imprecisato, ma elevato di figure impiegatizie, dalla sede di Fabriano ad “altre sedi”, lontane dal territorio marchigiano, costituisce solo il primo atto di tutto il processo di dismissione dell’intero gruppo industriale. La situazione di grave involuzione industriale, prosegue la nota del Pcl, non si limita alle prospettive incerte della sola ex Merloni ma si estende con gravi ripercussioni alla Tecnowind di Fabriano, nella quale, a breve scadenza, 500 lavoratori tra la Tecnowind stessa e il cosiddetto indotto, rischiano di perdere il proprio posto di lavoro. Infine, “dulcis in fundo”, l’unica realtà industriale scampata dalla crisi più totale di tutto il comparto industriale fabrianese, per merito esclusivo dei propri lavoratori, le Cartiere Miliani, sono in fase di “vendita”, con un nuovo processo di dismissione e probabile ridimensionamento occupazionale, attuato dai soliti “soggetti finanziari-bancari” legati a binomio Benetton – Bonomi. Il Pcl rinnova l’appello alla lotta e mobilitazione contro “tali progetti” che ricercano una autentica ecatombe occupazionale contro tutte le lavoratrici e i lavoratori e relative famiglie che da qui, a breve, si ritroveranno senza alcun reddito, grazie a “certi imprenditori eroi”, così definiti dall’ex Premier Renzi e a tutta la classe politica e pseudo – sindacale italiana.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy