“IL NOSTRO REPARTO E’ APERTO E OPERATIVO H24”

Il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Profili di Fabriano lavora a tempo pieno giorno e notte. E’ questa la sintesi dei dottori Cutuli e Berluti che hanno scritto sul gruppo Facebook del Coordinamento Punto Nascita Fabriano a seguito del nuovo grido di allarme lanciato dal ginecologo Arteconi (leggi qui https://www.radiogold.tv/?p=25352 ). Una rassicurazione importante che testimonia, ancora una volta, l’urgenza di trasformare l’accordo di equipe unificata da temporaneo a definitivo.

L’attività in reparto 

“Il nostro reparto – hanno riferito i dottori – è aperto ed operativo: la sala parto c’è, i medici lavorano in h24 e ci sono sempre due ostetriche in servizio. Il fatto che il primario, il dottor Pasquale Lamanna, andrà a breve in pensione non equivale a dire che il nostro reparto andrà chiuso. L’azienda sanitaria si sta riorganizzando per mantenere intatti i servizi dei cittadini e per ridurre i costi di gestione: la mancata nomina di nuovi primari rientra in questi obiettivi”. Prosegue anche la nuova organizzazione in sinergia con Ancona. “Ogni settimana – hanno precisato – un medico e due ostetriche svolgono il loro turno di servizio presso l’ospedale Salesi in base agli accordi AFOI: questo per confrontarsi con il lavoro di un centro più grande e per trovare strategie di lavoro comuni ad entrambi i nosocomi in merito all’ostetricia”. La paura di una possibile chiusura futura in parte restano. “Le dichiarazioni di Vinicio Arteconi, ginecologo storico del nostro territorio, credo che abbiano lo scopo di divulgare ciò che sta accadendo a livello aziendale così da sollecitare l’immediato ed esaustivo intervento della politica. Cosa che tutti ci auspichiamo e per la quale tutti lottiamo da tempo”. Poi la conclusione, con un messaggio positivo. “Siamo aperti, stiamo lavorando – hanno scritto Cutuli e Berluti – lo stiamo facendo bene, lo vogliamo fare anche meglio, lo facciamo per voi.”

m.a.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy