PARIANO SUL FUTURO DEI DIPENDENTI DELL’ISTITUTO DI CREDITO

Il clima burrascoso che si respira intorno a Veneto Banca non spaventa solo i correntisti fabrianesi ma anche il mondo politico. Ieri è sceso in campo il consigliere comunale Pino Pariano  che chiede al sindaco di attivarsi per capire quale sarà il futuro dei dipendenti dell’istituto bancario. “Con l’avvento del fondo Atlante, ho appreso che ci sarebbero dei tagli occupazionali che andrebbero ad interessare dei dipendenti delle filiali fabrianesi di Veneto Banca. In un momento di profonda crisi occupazionale – dichiara Pariano – dove numerose vertenze lavorative sono in attesa di risposte, Fabriano non può sopportare anche questo peso. Inoltre l’Amministrazione Comunale non può limitarsi a svolgere il ruolo di capostazione in attesa che il treno arrivi sui binari. C’è la necessità di accelerare la corsa e cercare di capire le intenzioni del fondo Atlante per tutelare i lavoratori non permettendo che questi perdano il loro impiego e quindi la fonte di reddito per le loro famiglie. Quindi, qualora siano fondate le notizie riportare dalla stampa inerenti tagli occupazionali, mi aspetto una risposta su quali azioni la politica intende mettere in campo e chiedo al Sindaco soluzioni rapide e non la solita lentezza insabbiante alla quale la politica purtroppo ci ha abituati”.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy