SEQUESTRATI FUNGHI ALLUCINOGENI, TRE GIOVANI DENUNCIATI A FABRIANO E CERRETO

I Carabinieri della Compagnia di Fabriano – coordinati dal Maggiore Benedetto Iurlaro –  nell’ambito di una più vasta operazione tesa a contrastare i reati predatori in genere, che negli ultimi periodi hanno preoccupato i cittadini del comprensorio fabrianese, hanno organizzato una serie di capillari controlli, sottoponendo a verifica persone e luoghi di interesse operativo. L’operazione, scattata nel pomeriggio di ieri e protrattasi sino all’alba di oggi, ha visto sul campo l’impiego di decine di militari. Nell’ambito di questa verifiche, i militari del Nucleo Operativo e del Nucleo Radiomobile, rispettivamente agli ordini dei marescialli Giuseppe Marinotti e Erminio Patrociello, hanno effettuato numerose perquisizioni domiciliari, personali e veicolari. In particolare, nei confronti di due cerretesi e di un fabrianese, i militari hanno sequestrato un cospicuo quantitativo di sostanze stupefacenti, oltre che materiale di confezionamento e taglio. In casa di un 35 enne di Cerreto d’Esi, i carabinieri hanno sequestrato una partita di funghi allucinogeni composta da 50 unità che sarebbero state poi suddivise in 1000 dosi da circa 25 euro l’una, 25 grammi di marijuana ed un bilancino di precisione. In casa di un altro cerretese, censurato,  sono state rinvenute dosi di cocaina; mentre in casa del giovane fabrianese, anch’egli 35 enne, dosi di cocaina e di eroina, pronte per essere spacciate. Nei confronti dei tre soggetti è stata inoltrata un’informativa alla Procura della Repubblica di Ancona, imputando a loro carico il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Per quanto riguarda il sequestro dei funghi allucinogeni, i Carabinieri precisano che l’intervento è stato provvidenziale in considerazione del fatto che tali sostanze potevano essere spacciate nel corso della Festa dell’Uva, in programma questa settimana a Cerreto d’Esi, con il rischio di annoverare qualche overdose tra gli assuntori.

cs

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy