News

DEEANDRE, UN SUPERTALENTO… INCOMPIUTO

Nel caldo Agosto 2002, Fabriano firma DeeAndre Hulett, gran talento pescato da coach Carmenati nel sommerso delle leghe minori americane. Nato a Saginaw, Michigan, all’high school veniva considerato come uno dei migliori prospetti dello Stato, dotato di una grande velocità e di mezzi atletici non indifferenti, viaggiò a ben 28 di media a Cincinnati, al College of Sequoias. Nonostante una chiamata al secondo giro da parte dei Toronto Raptors, Hulett non riuscì mai  a “fare” la squadra, così vivacchio’ nelle minors tra Usbl e Nbdl  girovagando tra Florida e Sud Carolina. Ragazzo di enorme talento, pagò la scarsa attitudine al lavoro non riuscendo a migliorare la sua tecnica, tendeva sempre  a giocare uno contro uno e a fare delle schiacciate siderali, senza affinarsi, senza gestire un tiro non eccezionale, forse era più un’ala piccola che guardia. A Fabriano dopo un inizio stentato, venne fuori mano a mano strabiliando con grandi giocate  il pubblico fabrianese, con Clark, Porter, Turner fece crescere la squadra che arrivò a giocarsela con tutti fino al triste finale del crollo societario. Lasciò Fabriano dopo 12 gare giocate , con una media realizzativa sugli 11 punti. Dopo Fabriano combinò ben poco e dopo qualche sporadica apparizione  nelle minors Usa abbandonò il basket giocato. Attualmente allena in una piccola high school del Michigan, sarà ricordato per il suo entusiasmo, per le sue spettacolari giocate, ma anche per il suo enorme talento mai sbocciato completamente.

ff