L’INFIORATA DELLA PORTA DEL BORGO

Le quattro infiorate raccontate dagli autori dei bozzetti 

PORTA del BORGO Infiorata: Piazza Garibaldi 50. Parla l’autore LORENZO MEGNI

“Il tema del bozzetto è il fiume Giano, simbolo significativo della città di Fabriano. Nel disegno possiamo trovare diverse sfumature di blu e azzurro che gradualmente si trasformano in verdi, rossi e gialli, dando vita a un alternanza di colori freddi e caldi. Alla sinistra troviamo il volto di una donna dalla pelle blu, in funzione di Ninfa Fluviale, caratterizzata da un viso chiaro e delicato, sinonimo di purezza e beltà. La Ninfa è raffigurata di profilo e dal suo soffio esce il fiume che circonda l’intero disegno, sfumandosi con i suoi capelli rosso fuoco. Al centro spunta dal fiume la mano blu della Ninfa, che tiene e modella la Fontana Sturinalto, eretta su disegno di Jacopo Di Grondolo nel 1285, ormai diventata uno degli elementi iconici di riferimento di Fabriano. Dalla fontana esce dell’acqua che si mescola e si confonde con il fiume, creando un legame di vita tra il fiume e la città. Dietro la fontana possiamo scorgere un accenno del Palazzo Del Podestà, contestualizzando il quadro in pieno centro storico. Il generare il fiume e il diventare tutt’uno con esso, fa della Ninfa oltre che un’allegoria del fiume stesso, un’allegoria della vita. Infatti nel disegno possiamo riconoscere tutti e quattro gli elementi: l’acqua e la terra negli azzurri e nei verdi del fiume; il fuoco nei capelli della Ninfa sfumati di rosso, marroncino e arancione; l’aria nel soffio della Ninfa, iniziatore del fiume. Sul fondo ai lati il fiume delinea due circonferenze rappresentanti due vortici d’acqua, che aiutano a dare più equilibrio all’insieme dei colori. Ho scelto il fiume come fulcro del lavoro, confrontandolo con la contemporaneità, infatti esso è l’elemento più antico di Fabriano, presente ancora prima della nascita della città. Ancora oggi infatti possiamo vederlo e sentire il suo scorrere passeggiando per le vie fabrianesi.”

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy