ALLA SCOPERTA DEL GIANO: “ SGOMBERO IMMEDIATO DELLE BARACCHE E TOTALE RIAPERTURA.”

A seguito del recente intervento dell’assessore Alianello, in cui si fa il punto sui lavori in corso presso il fiume Giano, come Comitato ci sentiamo in dovere di intervenire in quanto sono state fatte delle affermazioni incomprensibili, se non addirittura fuori luogo, in merito al mantenimento di alcune baracche costruite sopra l’attuale copertura. Cio’ non solo perché le leggi nazionali vietano chiaramnte l’edificabilità su tali aree (testo unico sulle acque pubbliche art.96 R.D. n. 523 del 1904) con relativa inconistenza di qualsiasi diritto eventualmente accampato dai trasgressori (trattandosi di un bene indisponibile dello stato), ma anche perché lo stesso Demanio Idrico della Provincia di Ancona si è chiaramente espresso nel dicembre 2013 in merito alla questione fabrianese, ribadendo come sia “ indispensabile lo sgombero immediato dei manufatti insistenti sull’area demaniale.” E avendo già dato precisa disposizione: “Il comune di Fabriano dovrà predisporre urgenti provvedimenti affinché comunichi ai proprietari la necessaria azione di demolizione a loro spese”. Probabilmente si è dunque trattato di un refuso, o di un errore di stampa: non vogliamo infatti pensare che l’amministrazione comunale, in opposizione a leggi nazionali e disposizioni provinciali, si stia muovendo per mantenere la situazione indecorosa che è visibile in questa immagine. Piuttosto, rimanendo in tema di “urgenti provvedimenti”, ci preme ricordare di come sia necessario, anche per creare il minor disagio possibile alle attività commerciali e nel rispetto della legalità, procedere con la famigerata variante che dovrà decretare la totale riapertura del corso cittadino del Giano: variante sbandierata da oltre 10 mesi ma di cui, fiumi di parole a parte, non si ha ancora alcuna traccia. Ad ogni modo, puntualizzato ciò, siamo comunque pienamente confidenti che la Giunta vorrà ora procedere con la rimozione totale e definitiva della copertura come richiesto dai cittadini, che il progetto sarà modificato per renderlo compatibile con l’armonia urbanistica di un centro storico medievale, e che il ponte dell’Aera, così come l’intero corso del fiume, saranno finalmente e pienamente godibili a fabrianesi e turisti.

cs

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy