NON C’E’ IL FARMACO, STOP ALL’INTERVENTO. IL PAZIENTE ERA GIA’ SEDATO

Intervento chirurgico con il paziente sotto anestesia bloccato perché non c’è il farmaco: la confezione era vuota. E’ accaduto martedì scorso all’ospedale Santa Croce di Fano, nel reparto di otorinolaringoiatria. Lo riferisce il Corriere Adriatico. In sala operatoria, con l’equipe pronta a operare, si trovava un paziente affetto da una rara patologia, la disfonia spasmodica che produce l’incapacità di parlare. Per salvare la situazione è stata attivata la procedura d’emergenza, attraverso il servizio farmacia dell’azienda ospedaliera Marche Nord, al fine di reperire un farmaco sostitutivo. Ma il prodotto giunto da Pesaro con un’ambulanza del 118 non è stato ritenuto adeguato dal personale medico. Così il paziente, che il personale ha cercato di tranquillizzare perché sedato localmente, è stato riportato in camera, tenuto in osservazione una notte e poi mandato a casa con l’invito a ripassare quando sarà pervenuto il farmaco giusto da parte dell’azienda produttrice.

Il primario Giuseppe Migliori difende la correttezza delle procedure attivate. “Ciò che è accaduto non è responsabilità nostra – afferma al Corriere -. Si è trattato di un difetto di produzione del farmaco, perché la confezione sigillata l’abbiamo aperta in sala operatoria scoprendo che era vuota”.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy