Fabriano – Promozione del benessere, presentato il progetto al Centro di Aggregazione Giovanile

Presentato questa mattina, (foto), presso la struttura del Centro di Aggregazione Giovanile all’interno del Complesso Sant’Antonio Fuori le Mura, il progetto della Mosaico Cooperativa Sociale ETS dedicato ai giovani del territorio. Sulla base del finanziamento ottenuto dalla Mosaico Cooperativa Sociale ETS relativamente alla Presentazione dei Programmi Biennali di Area Vasta dell’Ast destinate alle azioni di prevenzione e cura delle dipendenze patologiche, in accordo con l’Ambito Territoriale Sociale n. 10, nella persona del Coordinatore d’Ambito Lamberto Pellegrini e con l’Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Fabriano Andrea Giombi, si è deciso di declinare l’intervento in azioni di PROMOZIONE del BENESSERE, rivitalizzando i luoghi deputati all’aggregazione.

La nota

L’Assessore alle Politiche Giovanili Andrea Giombi ha sottolineato “abbiamo voluto fare la conferenza qui al CAG perché il mio Assessorato e tutta l’Amministrazione vuole porre la luce su questo luogo tanto importante per tutta la nostra comunità. Fino ad ora la struttura è stata gestita da quattro associazioni, l’Associazione Culturale Lokendil, l’Associazione Fabriano Pro Musica, il Foto Club Arti Visive e il PDP Free Software Linux Group, che ringrazio moltissimo per la loro attività. In questi mesi tuttavia abbiamo constatato, proprio tramite il confronto con queste associazioni, che manca un coordinamento e per questo grazie alla collaborazione con l’ Unione Montana Esino Frasassi e con l’Ambito Territoriale n. 10 abbiamo deciso di coinvolgere la Cooperativa Mosaico con il compito di coordinare e favorire iniziative educative e formative rivolte ai nostri ragazzi. La Cooperativa sta già sviluppando un progetto analogo presso il Comune di Cerreto e questo favorirà anche la nostra intenzione di attivare collaborazioni e sinergie con la struttura di Cerreto. L’ obiettivo è quello proprio di creare una sinergia tra le associazioni già presenti e le attività proposte dalla Cooperativa per creare un luogo di aggregazione, dove i giovani possano trovarsi per stare insieme e seguire attività formative ed educative. Il progetto si completerà poi con lo spostamento del coworking qui nella stessa struttura a piano terra. Questo è un punto di partenza per arrivare poi ad avere un servizio educativo per i giovani a lungo termine.”

Il Coordinatore dell’Ambito 10 Lamberto Pellegrini ha voluto sottolineare “il progetto rientra in una macro progettualità che riguarda tutto l’Ambito e che ha il focus nella prevenzione del disagio e nella promozione dell’agio, l’obiettivo è proprio la promozione del benessere tra i giovani. Il progetto si sta già svolgendo presso il Comune di Cerreto d’Esi, in appoggio ai locali dell’ex CAG “Luigina Mazzolini” presso la stazione ferroviaria. Collaterale a questo progetto verrà avviato anche un progetto per la formazione degli adulti, una macroprogettualità quindi che riguarda diversi interventi per lavorare non solo sul benessere dei ragazzi ma anche delle famiglie e degli insegnanti.”

Sulla base dell’analisi dei bisogni e dell’incontro con i portatori d’interesse territoriale, si è proceduto alla proposta di un piano d’intervento concreto – ha sottolineato Matteo Bucciarelli Presidente della Mosaico Cooperativa. – L’idea di fondo è quella di svolgere interventi laboratoriali pratici sui linguaggi giovanili, a partire dalle esigenze reali dei ragazzi, all’interno di luoghi di aggregazione già esistenti, con l’intento di rivitalizzarli, coinvolgendo la rete territoriale presente e i portatori d’interesse, in un’ottica di welfare comunitario e generativo.
Obiettivo generale del progetto – ha continuato Matteo Bucciarelli – è da ritrovarsi nello sviluppo di azioni di promozione del benessere, attraverso la valorizzazione e diffusione del protagonismo e delle diverse forme di linguaggi e arti giovanili, utilizzando il mezzo laboratoriale.
La Cooperativa Sociale Mosaico si aggiunge, quindi, alle Associazioni già presenti per proporre il progetto laboratoriale sopra descritto, in sinergia con le stesse. Di fatto i laboratori saranno progettati sinergicamente e saranno condotti anche dai referenti delle Associazioni stesse, sulla base delle competenze specifiche di ognuno: si darà vita, verosimilmente, a laboratori incentrati sulla Fotografia, sulla Musica, sul Gioco di Ruolo, sul Software Libero, declinandoli sulle esigenze e peculiarità del gruppo di ragazzi presente.

Le azioni laboratoriali saranno coordinate da Alessia Cingolani e condotte da Martina Monno, educatrice della Cooperativa Mosaico, il martedì e il mercoledì, dalle ore 17:30 alle ore 20:00, per una durata complessiva di circa 7 mesi. Si partirà il giorno 12/04/2023. Il primo laboratorio messo in campo sarà inerente il “Fumetto Manga”, il mercoledì, in continuità con le attività già svolte presso il Comune di Cerreto d’Esi. Gli altri laboratori saranno progettati e condotti in sinergia con le Associazioni.”

Il Presidente dell’ Unione Monatana Esino Frasassi Giancarlo Sagramola ha voluto ringraziare l’Assessore Giombi e la Cooperativa Mosaico, “perché aver attivato questa progettualità in questo luogo ha un significato importante: è una progettualità che nasce dall’esperienza della Cooperativa e si rivolge proprio al mondo giovanile che tutti noi sappiamo sta attraverso una profonda crisi dovuta alla difficoltà di relazionarsi causata dalla pandemia. Questa sinergia tra l’ esperienza della Cooperativa, le associazioni e i giovani è il metodo giusto per far sì che questa struttura torni ad essere un luogo di aggregazione e di partecipazione. Un luogo in cui è importante che ci sia un coordinamento finalizzato anche ad ascoltare i giovani per valorizzare le loro prerogative. Abbiamo sette mesi quindi per metterci alla prova, sette mesi in cui dobbiamo perseguire anche un altro importante obiettivo, costituire un‘ associazione di promozione sociale giovanile ed iscriverla all’elenco nazionale. Questo ci permetterà di partecipare a tantissimi bandi intercettando risorse e contributi fondamentali per finanziare le attività dedicate ai giovani. L’iniziativa deve emergere proprio dai giovani che, supportati dalle stesse associazioni giovanili, dagli educatori e attraverso l’aiuto delle istituzioni, può arrivare a costituire un‘ associazione di promozione sociale giovanile che è passaggio fondamentale per avere risorse per il mondo giovanile.”

I rappresentati delle associazioni presenti, Giovanni Alessi dell’Associazione Culturale Lokendil e Francesco Bellocchi dell’Associazione Fabriano Pro Musica hanno confermato la loro disponibilità nel collaborare con la Cooperativa Mosiaco per arrivare a co-creare , con le proprie esperienze e competenze, iniziative ed attività rivolte ai giovani del territorio.