La SP 16 Berbentina riaprirà la settimana di Ferragosto

Sassoferrato – Nei prossimi giorni le prove di carico, poi, una volta arrivati gli esiti dei test la strada Berbentina di Sassoferrato, a cavallo di Ferragosto, potrebbe riaprire. Al momento l’obiettivo è rispettare il cronoprogramma redatto a giugno che parla del 13 agosto come data di fine lavori. Giorno più, giorno meno, ci siamo: è questione di una settimana o poco più e la strada che unisce Fabriano a Sassoferrato riaprirà e permetterà di bloccare l’agonia che va avanti dallo scorso settembre. Nei prossimi giorni, infatti, ci saranno le prove di carico prima dell’ok definitivo alla riapertura. La provincia di Ancona monitora la situazione e ieri ha confermato che i lavori sono in dirittura di arrivo. La SP 16 era stata chiusa, undici mesi fa, per lavori di manutenzione straordinaria dei ponti. Nell’entroterra cresce l’attesa per tornare ad una viabilità normale. Il problema per cui i lavori sono slittati di diversi mesi è la mancanza di materie prime e il ritardo della loro consegna. Le cause vanno ricercate nella pandemia a livello mondiale. Un problema generale per tutte le ditte, in qualsiasi campo che, però, ha scatenato le ire di camionisti e automobilisti costretti a lunghi giri. In questi mesi, infatti, le tre strade alternative, Coldellanoce, San Donato, Collegiglioni, non sono state in grado di reggere la circolazione, né d’inverno causa maltempo, né d’estate con la presenza di più pezzi che usano queste strade per raggiungere Marotta e il casello dell’A14. Tra mezzi pesanti andati in tilt perché il navigatore non riconosceva le strade alternative, velocità ridotta cause crateri e curve continue, carburante alle stelle, non è stato facile spostarsi. A giugno, per fortuna, con almeno quattro mesi di ritardo, i lavori sono tornati a pieno regime con l’arrivo delle travi in acciaio provenienti dall’Ucraina. Parliamo di lavori necessari che però hanno messo ko il tessuto produttivo e commerciale della zona tanto che anche le associazioni di categoria in più occasioni hanno protestato. A rimetterci sono state pure le aziende della zona con fornitori e mezzi pesanti costretti a giri assurdi in strade pessime per raggiungere fabbriche e uffici. Nel mirino degli automobilisti sono finite le strade alternative. Quelle di Coldellanoce, San Donato e Collegiglioni, infatti, non sono riuscite a reggere il traffico che unisce Fabriano e Sassoferrato, con tante auto e mezzi pesanti che giorno e notte transitano in queste località. Soprattutto la strada che passa per San Donato di Fabriano necessita, da tempo, di interventi per via dei numerosi avvallamenti presenti. In alcuni tratti sembra di stare sulle montagne russe, senza considerare i diversi incidenti avvenuti in prossimità della frazione dove ci sono anche quelli che, per cause ignote, non rispettano i limiti di velocità nonostante le curve presenti. La pazienza, agli sgoccioli, dovrà durante ancora qualche giorno. Entro la settimana di Ferragosto la strada Berbentina riaprirà per la gioia di tutti, anche degli abitanti delle frazioni dove passano le strade alternative che hanno dovuto sopportare, sull’uscio di casa, una viabilità quotidiana così frequente da mandare quei pochi residenti in tilt per il traffico costante, a tutte le ore.

Marco Antonini

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy