Truffa del bancomat, tre denunciati dai carabinieri di Fabriano

Fabriano – Vende degli oggetti personali tramite una applicazione on-line, e credendo di eseguire la ricarica della propria carta di credito, esegue più ricariche su quelle dei malfattori. Tre denunciati dai carabinieri di Fabriano.

Il punto

I Carabinieri di Fabriano, hanno individuato e denunciato in stato di libertà 3 uomini ed una donna, per aver attuato la cosiddetta “truffa del bancomat”. Nello specifico, i militari ricevevano una denuncia da parte di un cittadino trentenne del posto che aveva inserito un annuncio di vendita in un noto portale di e-commerce. La vittima a questo punto rispondeva a una telefonata da parte di una finta acquirente che si dichiarava interessata all’acquisto della merce elettronica e, dopo aver trovato l’accordo, suggeriva al venditore di recarsi presso uno sportello ATM bancomat al fine di ottenere la somma pattuita. Seguendo le indicazioni fornite, inseriva il bancomat ed ingenuamente dopo avere selezionato il tasto “ricarica”, digitava la cifra indicata dal malfattore, per poi confermare il pagamento dell’importo. A quel punto l’acquirente, con artifizi e con una notevole capacità di affabulazione, convinceva la vittima che la transazione non era andata a buon fine e, con straordinaria capacità di prestazione, lo convinceva a ripetere per ben 5 volte l’operazione, facendo anche utilizzare altre carte elettroniche. La parte offesa scopriva, solo dopo qualche ora, di non aver ottenuto alcun accredito di denaro, ma al contrario di essere stata vittima di una truffa da parte della finta acquirente, che riusciva a farsi accreditare la somma di qualche migliaia di euro e ricevuto l’accredito sulla propria carta prepagata, la donna si rendeva irreperibile. Al termine dell’indagine i Carabinieri di Fabriano sono riusciti ad accertare l’identità degli autori della truffa, già noti alle forze dell’ordine proprio perché dediti alla commissione di tali specifici reati e denunciati.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy