Multe e denunce, i controlli del fine settimana dei carabinieri di Fabriano

Fabriano – Controlli dei carabinieri della Compagnia di Fabriano. Nel fine settimana cinque persone sono state sanzionate per alcol e droga. Nel dettaglio una patente è stata ritirata a una ragazza di 20 anni di Fabriano. Era alla guida, per le vie del centro, di un’automobile intestata a un familiare. Aveva un tasso alcolemico superiore a uno, più del doppio consentito dalla normativa. E’ stata denunciata per guida in stato di ebbrezza. Un 30enne fabrianese, invece, è stato fermato e controllato sempre in centro: anche lui aveva un tasso alcolemico superiore a uno. All’interno dell’auto, inoltre, i carabinieri hanno rinvenuto anche alcuni grammi di cocaina. L’uomo, oltre al ritiro della patente e alla sanzione amministrativa, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e segnalato alla Prefettura come assuntore. Un 20enne umbro, sempre nel fine settimana, è stato fermato mentre circolava in città con la sua auto: aveva alcuni grammi di hashish ed è stato segnalato quale assuntore di stupefacenti.

Nel corso dei controlli, un 30enne di Fabriano, in evidente stato di alterazione psichica, è stato sottoposto agli esami di primo livello al Pronto soccorso dell’ospedale Profili. E’ stata accertata la positività ai cannabinoidi. I carabinieri gli hanno ritirato la patente e lo hanno denunciato per guida sotto gli effetti di sostanze stupefacenti. Il bilancio del fine settimana si conclude, con una doppia sanzione a carico di un 40enne di Fabriano, sorpreso ben oltre la mezzanotte mentre a bordo della propria macchina in centro senza giustificato motivo. La pattuglia lo ha multato per violazione del coprifuoco e, a seguito dell’alcoltest che ha rivelato un tasso alcolemico superiore a 0.5, lo ha anche multato per guida in stato di ebbrezza. I controlli proseguono quotidianamente con personale in divisa e in borghese nelle principali vie di accesso della città e non solo.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy