Indelfab, aperta procedura di mobilità per 537 dipendenti

Fim, Fiom e Uilm, Indelfab: procedura di mobilità

È stata aperta con comunicazione odierna la procedura di mobilità per i 537 dipendenti della Indelfab. L’azienda era in cassa integrazione per cessazione dal 15 novembre 2020. I sindacati “ritengono indispensabile una convocazione immediata al MISE, anche con il Ministero del lavoro e la regione Marche, per valutare ulteriori strumenti di tutela dell’occupazione e per incentivare e favorire eventuali manifestazioni di interesse, di cui comunque ad oggi non siamo a conoscenza”. Secondo le parti sociali è “l’ennesimo disastro occupazionale che colpisce il territorio di Fabriano, sul quale bisogna lavorare in questi pochi mesi rimasti per costruire veri progetti industriali”

Whirlpool. Fim- Fiom- Uilm: azienda irremovibile, intervenga Premier Draghi

“Whirlpool ha presentato i risultati del primo trimestre in Europa, riferendo una crescita a doppia cifra dei ricavi, il rafforzamento della posizione nei Paesi chiave e un significativo miglioramento della marginalità anno su anno per il terzo trimestre consecutivo. A fronte di questa dichiarazione è sempre più incomprensibile la scelta dell’azienda di lasciare il sito di Napoli. E’ necessario comprendere le prospettive industriali del gruppo in Italia vista la scadenza del piano al 31 dicembre prossimo. Per questa ragione abbiamo richiesto l’immediata convocazione del tavolo in cui venga illustrata la strategia industriale del gruppo per il nostro Paese. Al Governo, che al tavolo ha dichiarato l’impossibilità di far cambiare idea all’azienda sulla chiusura del sito di Napoli, chiediamo l’intervento del Presidente del Consiglio Mario Draghi, che deve richiamare la proprietà americana alle sue responsabilità, impedendo alla multinazionale di smantellare gli stabilimenti italiani. Fim-Fiom-Uilm si riuniranno in coordinamento nazionale martedì 4 maggio per decidere le iniziative di lotta a sostegno della vertenza”. Così, in una nota, i sindacati.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy