IL GOVERNATORE FIRMA ORDINANZA CHE BLOCCA SPOSTAMENTI NELLE SECONDE CASE

Ancona – Freno agli spostamenti nelle Marche, da fuori regione, per il periodo Pasquale. Il Presidente della Regione Francesco Acquaroli ha firmato, questa mattina, l’ordinanza per vietare ai cittadini non residenti e non domiciliati nelle Marche di raggiungere le proprie abitazioni, diverse da quella principale, le cosiddette “seconde case”, nel periodo Pasquale. L’ordinanza entra in vigore lunedì 29 marzo compreso e sarà valida fino alle 24 di lunedì 5 aprile. Lo spostamento resta consentito solo in presenza di comprovate esigenze lavorative o situazione di necessità o motivi di salute, sempre mediante l’uso dell’autocertificazione. Un provvedimento ritenuto necessario in forza del principio di precauzione e alla luce dell’evolversi della situazione pandemica nelle Marche.

Oggi

Terzo giorno consecutivo di sostanziale stabilità per il numero di ricoverati Covid-19 nelle Marche: nelle ultime 24ore sono passati a 960 (+1) dopo il calo di ieri (-2) e il lieve aumento del giorno prima (+2). Un’altra boccata d’ossigeno, dopo il calo di ieri (-5), secondo i dati del Servizio Sanità della Regione, si rileva anche per le Terapie intensive (148, -4). In crescita, seppure contenuta, invece, i degenti in Semintensiva (216, +2) e nei reparti non intensivi (+1). Alto il numero di dimessi in un giorno (63) mentre calano ancora gli assistiti in pronto soccorso (110, -3). Gli ospiti di strutture territoriali sono 257 (+8). In diminuzione risultano i positivi in isolamento domiciliare (9.113 (-4) e, in maniera più rilevante, le quarantene per contatto con positivi (19.166, -513; 8.666 con sintomi, 375 operatori sanitari). Intanto i guariti/dimessi salgono a 73.841 (+749).

Torna sopra i 700 (723; ieri erano stati 674) il numero giornaliero di contagi da coronavirus nelle Marche e il rapporto positivi/test di nuova diagnosi sale al 22,7%. Lo rende noto il Servizio Sanità della Regione: nelle ultime 24 ore testati “5.649 tamponi: 3.192 nel percorso nuove diagnosi (di cui 902 nello screening con percorso Antigenico) e 2.457 nel percorso guariti. Scende sul totale di contagi la percentuale di casi in provincia di Ancona (208, 28,7%); seguono le province di Macerata (192), Pesaro Urbino (176), Ascoli Piceno (69) e Fermo (44); 34 contagiati sono di fuori regione. Sono 75 le persone con sintomi. Tra i 902 test antigenici riscontrati 84 casi (da sottoporre a tampone molecolare). “Il rapporto positivi/test al 9%”. Quanto alla ‘genesi’ di contagio l’aggiornamento da conto di contatti contatti in setting domestico (178), contatti stretti di casi positivi (241), in setting lavorativo (14), in ambiente di vita/socialità (2), in setting assistenziale (2), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (1), screening percorso sanitario (1). Per altri 209 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

m.a.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy