LE DIFFICOLTA’ DEL COMMERCIO, L’INCERTEZZA PENALIZZA GLI ACQUISTI

di Marco Antonini

Fabriano – “Nel nuovo anno potrebbero chiudere attività commerciali anche a Fabriano. La colpa non è dell’emergenza sanitaria, ma dell’improvvisazione dei piani alti del nostro sistema Italia”. Così Mauro Bartolozzi, presidente Confcommercio della città della carta, nell’analizzare il clima che si sta respirando anche nell’entroterra. Il 2020, infatti, verrà ricordato come l’anno del covid e di tutte le conseguenze nefaste che si è portato dietro. Secondo Bartolozzi “bar e ristoranti sono stati trattati male”, ma la situazione non è bella nemmeno per le altre attività. “Molti settori hanno avuto un calo del 45% – denuncia – complice anche l’incertezza che si respira”. Nei prossimi mesi, quindi, con molta probabilità, diverse attività commerciali potrebbero chiudere. A Fabriano sarebbe il colpo di grazia di un comprensorio già in difficoltà per colpa delle vie di comunicazioni difficili, come il raddoppio della SS 76 e il completamento dell’opera atteso da diversi anni e la crisi industriale che non conosce sosta. Tra negozi chiusi nel fine settimana nei centri commerciali e una serie di limitazioni che sono state imposte agli esercenti, “per i negozianti tirare le somme non è facile perché il futuro appare nero”. Bartolozzi analizza anche ciò che si registra, da giorni, in attesa delle possibili nuove restrizioni in arrivo. “Manca una settimana alla festa di Natale e ancora non è chiaro se i ristoranti potranno stare aperti o no”. Sono in molti a puntare il dito, un po’ dappertutto, in Italia, sui controlli che andrebbero potenziati e programmati quotidianamente nei luoghi di maggior frequenza visti anche i tanti comportamenti scorretti delle persone.

“Servono più controlli – incalza Bartolozzi – e molto rigore. In questo momento il panico che si registra è peggio della chiusura vera e propria. Quando recupereremo ciò che abbiamo pagato quest’anno? Mai”. Discorso a parte i contratti a chiamata. Sono tanti i lavoratori con questa tipologia contrattuale che non hanno garanzie sul futuro e nemmeno rimborsi dallo Stato. E la “Lotteria degli scontrini”? Spiega il presidente locale di Confcommercio: “Qualcuno ha pensato che i registratori di cassa andavano programmati a dovere?” Tra spese continue e pochi clienti, quindi, sono state le preoccupazioni di un settore che, negli anni passati, in questo periodo, lavorava e bene. L’appello è al commercio responsabile. “Acquistate a Fabriano, sostenete i negozi di prossimità – dice Bartolozzi ai fabrianesi – perchè dobbiamo aiutarci l’un l’altro”. L’auspicio è il ritorno alla normalità nel prossimo anno, anche se è chiaro che non sarà una strada in discesa complice non solo la sfiducia che si respira, ma anche i comportamenti individuali di molti non sempre rispettosi della salute altrui. Secondo Mauro Bartolozzi “stiamo vivendo la stessa situazione critica che c’era nel secondo dopoguerra, quando bisognare ritrovare e ricostruire una prospettiva che era andata distrutta”. Ora è tempo degli acquisti di Natale, contenuti, con meno budget del previsto vista l’assenza di feste e veglioni. Poi, però, a gennaio si tireranno le somme e non è escluso che qualcuno possa decidere di chiudere perché andare avanti resta insostenibile.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy