SLOT-MACHINE, A FABRIANO UN REGOLAMENTO PER CONTRASTARE IL FENOMENO

di Marco Antonini

Fabriano – Meno slot machine in città. Contro il gioco d’azzardo scende in campo il Comune di Fabriano con un nuovo regolamento, la cui bozza arriverà giovedì 27 febbraio in consiglio, presso Palazzo del Podestà. Due le azioni da mettere in campo: fasce orarie con il divieto di avvicinarsi agli apparecchi e tentare la fortuna e l’estensione della distanza di 500 metri non solo da scuole, uffici e bancomat, ma anche da tutti quei luoghi frequentati soprattutto dai giovani. E in una città piccola, dove tutto è ravvicinato, molte slot, potrebbero scomparire. La decisione della Giunta arriva dopo aver analizzato quanti soldi, nel 2017, anno preso in considerazione dall’indagine del gruppo L’Espresso, si spende per il gioco nella città della carta: ben 20 milioni di euro. “Una somma spaventosa – commenta il sindaco, Gabriele Santarelli. – Per questo abbiamo voluto lavorare al nuovo regolamento per il gioco d’azzardo che verrà portato in consiglio comunale per la discussione e l’approvazione nella prossima seduta. Il regolamento impone orari nei quali non è possibile far giocare alle macchinette e vieta la presenza delle stesse in aree dove sono presenti scuole, bancomat, impianti sportivi, oratori e biblioteche”. Per invogliare gli esercenti a rinunciare a queste macchinette sono previsti anche degli incentivi proprio per i gestori dei bar che decidono di liberarsi delle slot-machine, come qualcuno ha già fatto. Un segnale della crisi che si respira, da anni, nel comprensorio. Secondo il primo cittadino “i 20 milioni di euro parlano di famiglie in difficoltà, di profondo disagio e di risorse sottratte all’economia locale. È nostro dovere intervenire con gli strumenti che ci vengono messi a disposizione e il regolamento è uno di questi”. Nella bozza di regolamento redatta dall’Amministrazione comunale, infatti, compare il divieto d’uso pomeridiano e serale delle slot-machine, nelle fasce orarie 16-20 e 22-24, con relative multe a chi non rispetterà queste disposizioni. L’obiettivo è quello di eliminare gran parte delle macchinette mangiasoldi che sono attive. Dal monitoraggio effettuato dalla polizia locale è immerso che ben 22 locali su 36 sono dotati degli impianti da gioco. Nel regolamento verrà perfezionata anche il rispetto della distanza minima di 500 metri delle slot da scuole, uffici, bancomat. A questi luoghi, infatti, verranno aggiunti anche biblioteca, oratori, impianti sportivi e centri di aggregazione. A conti fatti, considerate le dimensioni del centro e della città in generale, moltissime slot-machine dovranno essere eliminate in quanto non rientrerebbero in questo parametro numerico da rispettare.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy