Cupramontana – Uccise figlioletto, assolto in appello. 10 anni in una Rems

Ancona – Uccise il figlio di 5 anni, soffocandolo in auto, a Cupramontana, ma oggi, 15 gennaio 2020, in appello è stato assolto Besart Imeri, 27enne macedone, ex operaio, perché, stando alla perizia disposta dal Tribunale ed eseguita dallo psichiatra Renato Ariatti è risultato totalmente incapace di intendere e di volere al momento del fatto. In primo grado era stato condannato da 12 anni dal gup che aveva riconosciuto la seminfermità mentale dell’imputato, in base ad un’altra perizia. Imeri, il 4 gennaio 2018, aveva ucciso il figlio Hamid tappandogli naso e bocca con le mani per impedirgli di respirare. Durante il primo interrogatorio aveva parlato di una forza sovrannaturale che lo aveva spinto ad uccidere il figlio. La Corte di Assise d’Appello ha deciso che dovrà passare 10 anni in una Rems (residenza sanitaria per l’esecuzione delle misure di sicurezza) perché socialmente pericoloso. Secondo Ariatti, Imeri è affetto da delirio mistico religioso, la stessa patologia riscontrata a Luca Giustini, accusato dell’omicidio della figlioletta a Collemarino nell’agosto 2015. (Ansa)

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy