SCONGIURATA LA CASSA INTEGRAZIONE FINO A DICEMBRE

Alle Cartiere di Fabriano è stata scongiurata la cassa integrazione, almeno per questi ultimi quattro mesi dell’anno, grazie alle commesse in arrivo da Indonesia e Turchia. Rientro dalle ferie con un pizzico di positività per gli operai dello stabilimento di via XIII Luglio che avranno il lavoro garantito fino a dicembre grazie alla produzione di banconote per l’estero. In attesa del nuovo piano industriale, il primo firmato Bain Capital, il Fondo che ha acquistato le Cartiere Fedrigoni di Fabriano, si prosegue nella produzione di banconote per Indonesia e Turchia. Poi, entro inizio 2019, dovrebbero arrivare le prime novità dopo il passaggio del gruppo agli americani. Per il momento è escluso il ricorso gli ammortizzatori sociali anche se il ritmo produttivo non è dei migliori. Il reparto banconote, infatti, si è fermato per diverse settimane ad agosto e la riapertura, con una sola macchina rispetto alle solite tre degli anni precedenti, è prevista per domani. Una decisione, quella di riaprire con una sola macchina, che comporta anche il dimezzamento del personale in servizio presso l’ottava: circa 75 persone sulle 150 in organico. Questo vuol dire che circa la metà degli operai al lavoro in questo reparto continueranno ad essere dirottati su altri comparti dello stabilimento fabrianese o nel sito produttivo di Rocchetta Bassa, o di Pioraco e Castelraimondo, nel Maceratese. Situazione tranquilla negli altri reparti. Nel sito produttivo di Fabriano, infatti, il segmento per a produzione di carta tradizionale, in primis quella per fotocopie, torna a tutti gli effetti operativo da domani, con dopo un stop molto breve nel mese di agosto, mentre a Rocchetta Bassa si è deciso di optare per le ferie scaglionate grazie al buon numero di ordini sia per il mercato italiano che estero. L’unico rischio, quindi, è quello del reparto banconote. Fino a dicembre la cassa integrazione è scongiurata grazie a due importati commesse per il mercato asiatico dell’Indonesia e della Turchia mentre si attendono notizie circa l’esito di un bando per il Sud America.

m.a.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy