NEVE NEL FABRIANESE. SCUOLE CHIUSE, TRENI IN TILT

Quaranta centimetri di neve a Fabriano, quasi un metro e venti a Poggio San Romualdo, San Silvestro. (Nella foto Castelletta). Nevica in tutto il comprensorio. Le scuole restano chiuse. Si ritorna sui banchi giovedì. Questa mattina, 26 febbraio, la città si è svegliata con una coltre bianca attesa dai bambini, ma meno dagli adulti. Mezzi spazzaneve e spargisale in azione dalle prime ore di oggi. “Le strade sono pulite e transitabili – spiega Urbano Cotichella dagli uffici comunali di Fabriano – e nessuno è rimasto isolato. E’ stato fatto un buon lavoro. Ora c’è da monitorare la colonnina di mercurio perchè, nelle prossime ore, il problema è il gelo che si potrebbe creare sulle strade”. In azione i 3 mezzi spargisale e i 26 spazzaneve. Sul profilo istituzionale Facebook è intervenuto il primo cittadino. “Stamattina alle 5:30 sono stati attivati anche i mezzi comunali e la Protezione Civile Fabriano sta lavorando per liberare i marciapiedi. Le strade principali – scrive Gabriele Santarelli – sono tutte percorribili e ora stiamo liberando i parcheggi e le strade secondarie. Presto i mezzi usciranno di nuovo per spargere sale in alcuni punti di maggiore criticità perchè ora il problema principale è il ghiaccio che si potrebbe formare. E’ stato attivato il Centro Operativo Comunale aperto 24 ore su 24 e per segnalazioni urgenti potete chiamare il numero 0732-709112. Si raccomanda di chiamare solo per situazioni oggettivamente urgenti per non intasare la linea. Intanto attraverso i GPS stiamo monitorando i percorsi dei mezzi per poi indirizzarli dove c’è maggiormente bisogno. Si raccomanda anche di mettersi in strada solo se strettamente necessario”. Alcuni disagi si sono verificati sulle strade: un mezzo si è ribaltato a Ca’Maiano, un camion è rimasto boccato lungo la strada dietro alla stazione ferroviaria. Scuole chiuse a Fabriano, Genga, Cerreto d’Esi  e Sassoferrato anche domani, martedì 27 febbraio e mercoledì 28 febbraio e riapriranno giovedì. Chiuso, sia oggi pomeriggio che domani pomeriggio, lo stabilimento Whirlpool di Marischio.

Trasporti

Traffico in tilt sulla SS76 dove sono in azione mezzi spazzaneve e spargisale. Treni nel caos. Cancellati quasi tutti i regionali che arrivano da Roma Termini. I pochi che sono partiti hanno accumulato più di 300 minuti di ritardo. Abbastanza regolari quelli che da Ancona vanno a Fabriano con ritardi contenuti. Soppressi anche diversi treni lungo la linea Fabriano-Civitanova.

Qui Jesi

Scuole chiuse anche domani a Jesi. Martedì 27 febbraio chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, asili nidi pubblici e privati compresi. Presso il Centro Operativo Comunale di Protezione Civile è attivo il numero verde 800 345393 per segnalazioni di emergenza legate al maltempo. Si prega di utilizzarlo solo in caso di assoluta necessità. Con la formazione dei 5/10 centimetri di coltre necessari per rendere efficace l’intervento degli spazzaneve, sono già una decina i mezzi al lavoro nella città per ripulire le strade.

Piano neve attivo in tutti gli ospedali marchigiani

Mentre continua a nevicare su gran parte della Regione, piano neve attivo in tutti gli ospedali marchigiani. Spalatori e mezzi costantemente in azione dove scende ancora la neve. In molti ospedali, come a Torrette e a Marche Nord, trasformate le reperibilità in guardie attive (i medici in reperibilità restano all’interno dell’ospedale a tempo pieno per garantire il servizio senza soluzione di continuità e scongiurare il rischio di non poter raggiungere il luogo di lavoro per il maltempo). In tutti i nosocomi marchigiani si lavora per garantire la massima accessibilità, in seguito alla direttiva emanata venerdì scorso dalla Regione, che chiedeva di mettere in campo i piani neve relativamente alle vie di accesso e alla garanzia delle scorte, di materiali e di gasolio.

Neve ad Ancona

Nevica intensamente ad Ancona e su tutto il tratto marchigiano del litorale adriatico, con qualche problema di viabilità nelle città. Traffico rallentato, ma comunque scorrevole lungo l’autostrada A14. Nevica anche nell’entroterra, ma al momento non sono segnalate criticità nelle strade principali. I Comuni, le Prefetture e la Protezione civile regionale hanno invitato la cittadinanza ad evitare al massimo gli spostamenti in auto. Le temperature sono molto basse ovunque. Chiusa la pista dell’aeroporto di Ancona Falconara. (Ansa)

Neve nelle zone del sisma

Nelle zone terremotate delle Marche, dove le strade principali sono tutte aperte grazie al lavoro dei mezzi sgombraneve, la gente affronta il primo impatto della neve sulle Soluzioni Abitative di Emergenza (Sae). Nelle province di Macerata, Fermo e Ascoli Piceno nevica da un paio di giorni sui centri devastati dal sisma e sui villaggi di casette. La popolazione qui è abituata, ma – spiega il sindaco di Caldarola (Macerata) Luca Maria Giuseppetti – “vivere la neve nelle Sae è una situazione nuova, un ulteriore elemento di precarietà, in una vita che è diventata precaria per tutti dal terremoto del 2016”. Sinora le cumulate di neve non hanno raggiunto i livelli delle grandi nevicate di gennaio 2017. Al momento le Sae – riferisce Ansa.it – stanno reggendo meglio del previsto: “mi hanno detto che almeno sono calde” dice il vice sindaco di Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) Michele Franchi. Tra i disagi più frequenti, qualche comignolo ‘ostruito’ dalla neve. A preoccupare però è soprattutto l’eventuale ulteriore abbassamento delle temperature e la possibilità di gelate nelle tubature che farebbero saltare i contatori. Nei campi di casette di Borgo 1 e Borgo 2 ad Arquata del Tronto e di Pescara del Tronto, i residenti stanno cercando di proteggere i contatori con polistirolo e gommapiuma, “perché nelle Sae i contatori sono meno protetti”. La Protezione civile è allertata. Molte le scuole chiuse oggi e domani nelle zone terremotate, anche a Camerino che fino a ieri sera voleva che le lezioni si svolgessero regolarmente. Ma l’ondata di maltempo che ormai sta attraversando tutte le Marche ha fatto cambiare idea all’amministrazione comunale.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy