GUIDA SOTTO EFFETTO DELL’ALCOL E UCCIDE UNA DONNA

E’ stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale l’automobilista 30enne di Senigallia che sabato sera verso le ore 22, alla guida di una Lancia Delta, non si è fermato allo stop lungo una strada di Calcinelli di Saltara e ha investito un furgoncino con a bordo una coppia di pensionati, uccidendo la donna, Adriana Casciero, 74 anni, di Calcinelli, deceduta sul colpo. Il marito dell’anziana, Remo Fraticelli, è rimasto ferito gravemente; lievi ferite anche per la ragazza che viaggiava accanto all’automobilista. Il 30enne è risultato positivo all’alcoltest condotto dai carabinieri. (Ansa)

Qui Jesi

La notte tra sabato e domenica, sono stati predisposti mirati servizi per prevenire reati contro il patrimonio da parte della Compagnia di Jesi agli ordini del Maggiore Iurlaro. Durante tali servizi, in cui sono stati impiegati 4 pattuglie su Jesi, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno eseguito specifici controlli su persone sospette e dedite a reati in genere, eseguendo anche alcune perquisizioni personali, veicolari e domiciliari. Nell’abitazione di una coppia di Jesi di 32 e 34 anni originari del posto, i carabinieri hanno rinvenuto 30 grammi di hashish, alcuni grammi di marijuana, alcuni Spinelli ed alcuni semi di canapa indiana, nonché materiale per il confezionamento. Entrambi, viste le modalità di rinvenimento, sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio. Nell’ambito degli stessi servizi è stato denunciato un cittadino congolese per false dichiarazioni sulla propria identità personale e rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità. Quest’ultimo, sottoposto a controllo si è dapprima rifiutato di fornire dichiarazioni sulla propria identità e, successivamente, fornito false dichiarazioni, smentite dalla verifica effettuata dai militari attraverso le sue impronte digitali. Inoltre, sono stati segnalati due giovani umbri per uso di sostante stupefacenti, in quanto trovati con 5 grammi di hashish.
error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy