I RESIDENTI DEL QUARTIERE BORGO ALZANO LA VOCE

Polemiche dopo l’ennesimo investimento pedonale avvenuto nel quartiere Borgo. Una ragazzina stava attraversando la strada quando è stata investita da un furgoncino. Tanto spavento e qualche graffio: la studentessa è stata trasferita all’ospedale Profili per accertamenti. I residenti, intanto, hanno attaccato nuovamente l’amministrazione comunale. Nel mirino la viabilità. Gli abitanti della zona, infatti, polemizzano per l’elevata concentrazione di auto durante la giornata e per il mancato rispetto del Codice della Strada da parte degli automobilisti. “Ogni giorno – denunciano alcune famiglie che vivono in via Martiri della Libertà – tante mamme e papà parcheggiano lungo la strada per far scendere o salire i propri figli che vanno o ritornano da scuola. Peccato – concludono – perché dietro l’edificio scolastico c’è un grande parcheggio che eviterebbe questo problema. Le pattuglie dovrebbero essere più severe contro chi sosta nella carreggiata.” Non è la prima volta che in quel tratto di strada si verificano investimenti di pedoni. I residenti da tempo, ormai, denunciano le pessime condizioni della segnaletica stradale molto scolorita. Chiedono, inoltre, che si pensi a una soluzione definitiva come la posa in essere di un dosso artificiale o un qualcosa che possa limitare la velocità delle auto. Proprio per evitare episodi del genere che, questa volta, non hanno determinato serie conseguenze. O, in ultimo, una maggiore presenza delle forze dell’ordine in prossimità degli orari di ingresso e uscita dalle scuole Mazzini e Marco Polo. Situazione critica anche all’incrocio sul Ponte Ciabochi, all’incrocio tra via Cialdini, Serafini e IV Novembre. “Mancano le norme di sicurezza stradale per attraversamento dei pedoni: non c’è un dosso serio (vedi ex semaforo dei giardini) segnalato e ben visibile. Mancano luci – ha detto un residente – che possano garantire la visibilità del pedone. Su quelle stesse strisce hanno già investito 5 persone”.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy