CASSA INTEGRAZIONE ANTICIPATA A 226 LAVORATORI, 58% RESIDENTI A FABRIANO

226 lavoratori in difficoltà, per un erogato di circa un milione di euro: tante sono state, dall’attivazione di questa possibilità, le persone che si sono avvalse dell’anticipo della cassa integrazione da parte di Veneto Banca, nell’ambito del “Protocollo Regionale per l’Anticipo della CIG” ai dipendenti delle imprese in stato di crisi con sede nella regione Marche. Ai 195 lavoratori che hanno usufruito di questa forma di sostegno nel 2014, se ne sono aggiunti altri 31 nei primi sei mesi di quest’anno: per il 58% residenti nel comprensorio Fabrianese (contro una percentuale dell’84% dello scorso anno), nel 32% dei casi nel resto delle Marche (con preponderanza del Maceratese) e per il 10% in Umbria (pur trattandosi ovviamente di dipendenti di aziende con sede nelle Marche). “Oltre ad aderire a questa importante misura messa a punto dalla Regione, abbiamo voluto accrescere di nostra iniziativa il sostegno ai lavoratori e alle loro aziende. Abbiamo sgravato al massimo le incombenze burocratiche e non abbiamo previsto né il pegno sulla quota di TFR non destinata a previdenza complementare, né la responsabilità solidale del datore di lavoro – sottolinea Fabrizio Mora, Direttore Centro Italia di Veneto Banca –. Anche in rapporto ad Istituti di dimensioni maggiori, il nostro erogato è decisamente consistente. In un momento socio-economico difficile occorre dare al territorio sostegni adeguati come il Protocollo sottoscritto con la Regione che, ricordiamo, è a disposizione per tutto il 2015 ”. Il “Protocollo di Intesa con la Regione Marche per il sostegno ai lavoratori e alle imprese in stato di crisi” è stato firmato, su impulso dell’ente regionale, dalle associazioni datoriali e sindacali e dai principali Istituti di credito operanti in regione. Lo stesso prevede appunto, con diverse peculiarità ed importi, l’anticipo della cassa integrazione per il lavoratori in CIG Straordinaria, in Deroga e Ordinaria. Ai lavoratori in CIG Straordinaria con un mutuo in essere sulla prima casa viene altresì data la facoltà di chiedere la sospensione del pagamento delle rate.

cs

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy