IL GIOCATTOLO SOSPESO, BARTOLOZZI PROPONE UN NATALE SOLIDALE

di Marco Antonini

Fabriano – “Il giocattolo sospeso”. E’ l’iniziativa del negoziante Mauro Bartolozzi (presidente Confcommercio) della città della carta. “Chi compra un regalo – spiega – potrà mettere qualcosa nel salvadanaio che abbiamo presso il negozio Casabella. Nei prossimi giorni, quello che avrò raccolto lo donerò alla Caritas Diocesana. Servirà per comprare un regalo a chi non può permettersi di fare acquisti per Natale”. L’obiettivo è quello di aiutare chi è in difficoltà. Coloro che quindi andranno da Mauro Bartolozzi (foto), la sua attività è situata nel cuore della città, in via Le Conce, potrà decidere, dopo aver acquistato un regalo, di donare alcuni euro che andranno per fare dei piccoli regali a chi è in difficoltà. Giustamente Natale è la festa dell’amore e della famiglia e un gesto di solidarietà ci sta sempre bene! Un piccolo fioretto, come quello di rinunciare a qualche caffè ed ecco che il salvadanaio di Casabella potrà riempirsi di monete! E qualche bambino ringrazierà con tutto il cuore! L’iniziativa potrebbe essere attuata anche da altri commercianti di Fabriano. Nei giorni scorsi, intanto, una delegazione dell’Associazione commercianti del centro storico di Fabriano è stata ricevuta da monsignor Francesco Massara, Amministratore apostolico della diocesi di Fabriano-Matelica. Nel corso dell’incontro i commercianti dell’Associazione hanno comunicato al presule l’intenzione di donare beni di prima necessità, come farina, olio, omogeneizzati, tonno e altri prodotti, su indicazione della Caritas Diocesana, al Market sociale della città della carta, punto di riferimento importante per le tante persone che non riescono ad arrivare alla fine del mese. “Questo Natale – hanno detto – abbiamo deciso di investire in questo modo ciò che è rimasto in cassa. Siamo felici di poter aiutare tante famiglie bisognose di Fabriano”.

 

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy