SOSPETTO CASO DI MENINGITE A FABRIANO

Un sospetto caso di meningite a Fabriano. Si attende l’esito degli esami per la conferma che dovrebbe arrivare domani mattina, giovedì 18 maggio. ”Questa mattina è stata presentata denuncia di sospetta meningite così come prescrive la normativa – ha confermato il direttore sanitario Mancinelli. – Si tratta di un paziente che presenta uno stadio infiammatorio generalizzato, tra cui febbre alta e altri valori fuori norma. Non è ancora certo che si tratti di meningite, né se di origine virale o batterica. È chiaro che, quando i medici nutrono il ben che minimo sospetto, occorre immediatamente presentare la denuncia di sospetta meningite”. Il paziente , un 40enne residente nel comprensorio fabrianese, è ricoverato all’ospedale Profili. ”Stiamo attendendo gli esiti degli esami” ha concluso il direttore spiegando che la situazione è sotto controllo. Gli operatori sanitari hanno effettuato la dovuta profilassi. La situazione tra le persone che sono venute a contatto con il malto è sotto controlli. Oggi arriveranno i refert che escluderanno o confermeranno la diagnosi. 

Cos’è la meningite

La meningite è una grave malattia dovuta all’infiammazione delle meningi, le membrane che rivestono il cervello. L’infiammazione di tali membrane si ripercuote sul cervello portando a gravi sintomi neurologici che possono portare alla morte oppure a postumi gravi come sordità, ritardo mentale, paralisi motorie, epilessia. La meningite può essere provocata sia da batteri sia da virus, quella più temibile è quella batterica dovuta principalmente a tre germi: emofilo tipo B, pneumococco, meningococco. Le forme di meningite dovute a virus sono generalmente a decorso benigno. La gravità della meningite batterica è più elevata in età pediatrica: gli esiti neurologici a permanenti si manifestano nel 30-35% dei casi; la mortalità nel 5-10% dei casi. La meningite coinvolge molto spesso la aracnoide e la pia madre o leptomeningi come sono anche chiamate queste membrane. La meningite o infiammazione delle membrane che circondano il cervello e il midollo spinale è causata da microrganismi. Tale infiammazione può essere provocata da microrganismi di tipo commensale, cioè naturalmente presenti nell’organismo umano e quindi non patogeni, ma diventa virulenta se la resistenza dell’organismo diminuisce, ad esempio in seguito a un raffreddore. Tra i microrganismi patogeni sono da ricordare quelli responsabili della meningite cerebrospinale epidemica. Anche un processo infettivo localizzato in altra sede può evolvere in una meningite, come una infiammazione dell’orecchio medio o del naso che si diffonde alle meningi. Un terzo fattore patogenico è uno stato di infiammazione dovuto a lesione traumatica della scatola cranica, in seguito al quale i microrganismi penetrano nelle meningi attraverso la ferita aperta.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy