In evidenza

“The Radio Dreamers- Storie e personaggi straordinari della radio”: Il 12 luglio presentazione del libro di Paolo Lunghi

“THE RADIO DREAMERS- STORIE E PERSONAGGI STRAORDINARI DELLA RADIO”: i Vip dell’FM raccontano in un libro l’epopea delle “radio libere” italiane.
Da AwanaGana a Fiorello, i dj più amati svelano i segreti del successo dei grandi network

FABRIANO- Venerdì 12 luglio alle 17.30, presso la Sala Pilati della Biblioteca Multimediale “Romualdo Sassi” di Fabriano,
verrà presentato il libro dello scrittore Paolo Lunghi “The Radio Dreamers- Storie e personaggi straordinari della radio”. Un evento culturale che si inserisce nella nona edizione del Revaivol Music Festival organizzato dall’Associazione Gold Eventi e dall’emittente radio-televisiva Radio Gold.
L’incontro, alla presenza dell’autore, sarà moderato dalla giornalista Gigliola Marinelli, direttore di Radio Gold. Un omaggio al mondo della radio e a quella stagione, meravigliosa e decisamente rocambolesca, che a partire dagli anni’70 ha portato in tutto il mondo all’inarrestabile exploit delle emittenti commerciali come fenomeno di costume prima ancora che imprenditoriale.
“The Radio Dreamers – Storie e personaggi straordinari della radio” è il libro di Paolo Lunghi che apre idealmente le celebrazioni per il cinquantesimo anniversario della nascita delle prime radio libere, che in Italia ricorre nel 2025 e a celebrare in un inedito tributo corale il mezzo di comunicazione più longevo dell’epoca contemporanea, ecco una galleria di persone e personaggi che con il loro talento e con la loro passione ne hanno contribuito alla fortuna e che oggi, per la prima volta, raccontano di proprio pugno i segreti del successo della radiofonia privata.
Da AwanaGana a Fiorello, da Jocelyn ad Amadeus, da Claudio Cecchetto a Linus, da Marco Galli a Giuseppe Cruciani, da Gerry Scotti a Fernando Proce, da Platinette a Marco Mazzoli e poi Carlo Massarini, Max Venegoni, Luisella Berrino, Ringo, Marco Baldini, Nick The Nightfly e tanti altri: sono decine le testimonianze raccolte per raccontare l’epopea delle cosiddette radio libere. Con dj e conduttori famosi anche i racconti di imprenditori visionari e tecnici infaticabili che negli anni, con grande coraggio e passione, hanno saputo trasformare un sogno in un’impresa capace di garantire successo e benessere economico.
Un cammino affatto semplice, in un contesto normativo e culturale complicato che tuttavia nei decenni è cambiato proprio per effetto della forza dirompente della radio. E se ormai è di dominio pubblico la saga di Radio Caroline, l’emittente britannica nata come radio pirata su un vascello al largo dell’Inghilterra ma in acque internazionali per non sottostare alle leggi di Londra, la storia della radiofonia privata italiana è non meno avventurosa.
In “The Radio Dreamers – Storie e personaggi straordinari della radio” rivivono le gesta di imprenditori che hanno sfidato il monopolio di stato, tecnici che hanno inventato apparecchi che non esistevano per trasmettere pubblicità diversificate in aree lontane, ragazzi che dal nulla sono diventati fonici e hanno imparato a confezionare jingles e spot spettacolari; ma anche avvocati che hanno difeso le emittenti dalle chiusure imposte dalle autorità giudiziarie e hanno concorso alla loro liberalizzazione prima in ambito locale e poi in nazionale, altri che si sono inventati le affiliazioni per consentire alle emittenti di uscire dall’ambito locale; e ancora ingegneri che hanno prodotto apparecchi professionali di trasmissione a costi accessibili e istallatori che nello spazio di un week end riuscivano a collegare in FM intere regioni con mezzi di fortuna, consentendo a coraggiosi imprenditori di trasformare piccole radio di quartiere in veri e propri imperi radiofonici.
E poi, ovviamente, le tante storie di successo di chi davanti al microfono è diventato una star entrando nel cuore di tante
persone: tra le molteplici testimonianze, in “The Radio Dreamers – Storie e personaggi straordinari della radio” si segnalano conduttori che da più di vent’anni trasmettono lo stesso programma con successo ed altri che si sono inventati il mestiere di dj ed hanno ancora quasi 1.5 milioni di ascoltatori al giorno; ma c’ è anche chi ha iniziato a proporre in FM trasmissioni sul sesso in un’ epoca in cui ancora era un tabù, chi ha continuato la sua carriera per 45 anni ininterrotti e chi invece, ad un certo punto, si è inventato produttore di musica o scopritore di talenti.  I Vip dell’FM raccontano in un libro l’epopea delle “radio libere” italiane.
“The Radio Dreamers – Storie e personaggi straordinari della radio” è un libro in vendita nelle librerie tradizionali e negli
store digitali ma anche un progetto dinamico e in continua evoluzione attraverso il sito Internet www.theradiodreamers.it

cs

Nota biografica sull’autore:

Nato il 29 settembre 1959, a Empoli, maestro d’arte, pittore e giornalista iscritto all’ordine della Toscana, creativo ed esperto di comunicazione, con specializzazioni ottenute nell’istituto d’arte di Pistoia, a Milano, Roma, Brighton nel Sussex e Hangzhou dello Zhejiang. Vive nella campagna di San Miniato, con la moglie Annalisa, il figlio Gianmarco e Gerry Pinscher. Pioniere e fondatore delle prime Radio Libere negli anni ‘70, e vincitore dell’Oscar della Radio 2010, ha sviluppato negli anni importanti progetti comunicativi in ambito nazionale ed internazionale.

Presidente di associazioni ambientaliste per lo sviluppo del territorio, per la riqualificazione di prodotti tipici e per l’organizzazione di rievocazioni storiche, componente di presidenza nazionale e di giunta di associazioni di categoria del settore pubblicitario, radiotelevisivo e dello spettacolo.

Collabora con primarie realtà economiche, sportive, politiche, artistiche e dello spettacolo, è stato ed è tutt’oggi editore e direttore di riviste in ambito locale e nazionale sia in forma cartacea che elettronica, oltre ad avere un impegno attivo nel mondo del volontariato e della donazione del sangue. Ha pubblicato vari libri, sia in forma cartacea che come audiolibri, sul tema della comunicazione, dello spettacolo e dell’arte e su altri importanti temi come la cultura cinese e l’integrazione.