FABRIANO SALUTA DELFINO BOCCI

di Marco Antonini

Fabriano – Se ne è andato Delfino Bocci, per una vita impegnato nel sociale con particolare attenzione ai diritti delle persone con disabilità. Ha ricoperto per molti anni il ruolo di presidente della Consulta socio-assistenziale Umanitaria del comune di Fabriano e del MO. D. DI. H. Il decesso è avvenuto nei giorni scorsi. Aveva 90 anni. Ieri mattina, presso la chiesa parrocchiale Madonna della Misericordia, don Umberto Rotili ha celebrato il suo funerale. Poi la sepoltura nel cimitero di Collamato. Tanti i messaggi di commiato. “Ci ha lasciati Delfino Bocci, presidente della consulta socio assistenziale umanitaria per anni. Persona discreta, dolce e sempre educata, un signore di altri tempi” ha scritto il sindaco, Gabriele Santarelli. Anche l’ex primo cittadino, Giancarlo Sagramola, ha ricordato Delfino Bocci: “A chi lo ha conosciuto ha trasmesso un sentimento di amore per la sua Eloisa, la sua famiglia e per tutte le persone che convivono con la diversa abilità. Ha lottato per un senso alto della giustizia e dei diritti di tutte le persone in difficoltà. Ho appreso tanto da lui e quello che mi ha trasmesso me lo porterò in questo Natale. Riposi in pace il sonno del giusto tra gli angeli di Dio”. Proprio la figlia, Eloisa, gli ha voluto scrivere una dedica sul manifesto che è stato affisso in città per annunciare la sua morte: “Sarai sempre nel mio cuore, ciao papà”. Alla camera ardente la moglie, la figlia e i parenti tutti hanno chiesto opere di bene in suffragio di Delfino. “In più di una occasione abbiamo avuto modo di collaborare con lui a risolvere disagi e problemi di alcuni cittadini, ne conserviamo un affettuoso ricordo” il pensiero di molti dipendenti comunali che, negli anni, hanno avuto a che fare con Delfino che amava raggiungere gli uffici per segnalare questioni legate molto spesso al mondo della disabilità.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy