Fiom e Uilm, giovedì è sciopero generale. Manifestazione in centro a Fabriano

Fabriano – La decisione delle Segreterie Confederali di svolgere la manifestazione dello sciopero generale nel territorio di Fabriano, è emblematica della condizione che si sta vivendo nell’area montana, dove oggi più che mai si rischiano ulteriori processi di desertificazione industriale, di perdita di posti di lavoro, a causa dell’impressionante crisi che colpisce il settore dell’Elettrodomestico. La mancanza di prospettiva industriale, di sbagliato utilizzo delle risorse a disposizione del Governo, non aiutano in alcuna maniera a risolvere le vertenze in corso sul territorio, in primis Whirlpool. Nessuna presa in carico delle reali necessità delle persone che lavorano, nessuna politica di progettualità industriale, di messa in sicurezza del lavoro nei territori e di tutela dei settori in crisi. Le Segreterie della FIOM di Ancona e della UILM di Ancona, chiamano le lavoratrici ed i lavoratori metalmeccanici del distretto del Bianco alla mobilitazione, aderendo allo sciopero generale proclamato da CGIL e UIL e partecipando alla manifestazione di giovedì mattina in Piazza del Comune, per chiedere al Governo interventi seri per restituire potere di acquisto alla famiglie, per tutelare le aziende che rischiano di non reggere questa situazione e di salvaguardare i posti di lavoro, di farsi carico delle crisi industriali per evitare che territori come quelli di Fabriano restino abbandonati e le persone lasciate sole, mentre si persegue la logiche di rispondere alle esigenze di pochi e non a quelli di tutto il Paese.

Segreterie Provinciali FIOM e UILM Ancona