Transito merci pericolose in città, è polemica

Fabriano – Con ordinanza del sindaco di Fabriano, Daniela Ghergo, è stata modificata il divieto, imposto dall’ex primo cittadino, Gabriele Santarelli, di passaggio in città dei mezzi che trasportano materiale e sostanze pericolose. Questi mezzi non possono transitare nemmeno nelle gallerie della SS 76 e per collegare Marche e Umbria bisogna utilizzate la SS 77, da Civitanova, provocando l’ira di automobilisti e camionisti costretti a percorrere molti più chilometri per raggiungere le destinazioni dell’entroterra. Ora il primo cittadino ha messo mano a questa problematica. A seguito di una serie di incontri con Confartigianato è stata emessa l’ordinanza 132 che autorizza nell’abitato di Fabriano il transito ai mezzi con merci pericolose fino all’11 settembre e dal 12 settembre nella fascia oraria dalle 21 alle 7. Il provvedimento ha scatenato l’ira dell’ex sindaco, Gabriele Santarelli: “E così le merci pericolose che non possono transitare dentro le gallerie della SS 76 – dichiara – perché non sono sicure, possono tranquillamente passeggiare per le vie della città, facendo lo slalom nelle mini rotatorie e salutando cittadini a passeggio e bambini al parco, nella massima sicurezza. Tutto per non mettere la scorta tecnica che consentirebbe il transito lungo la variante anziché in città. La storia è che come al solito la sicurezza dei cittadini vale meno del profitto”. Santarelli aveva emesso, infatti, un’ordinanza per vietare l’attraversamento di Fabriano da parte dei mezzi che trasportano materiale e sostanze pericolose. “In pratica le gallerie della 76 nel tratto tra Fabriano Est e Fabriano Ovest non sono a norma e non possono essere transitate da mezzi che trasportano sostanze pericolose se prive di scorta tecnica. Quei mezzi dovrebbero utilizzare la SS 77 ma la comunicazione è scarsa o comunque viene ignorata e così a Fabriano Est e a Fabriano Ovest sono presenti cartelli che obbligano i mezzi a passare in città” denuncia Santarelli che chiede di dotare i mezzi di scorta tecnica. Ricordiamo che il passaggio di questi mezzi Adr con sostanze pericolose è vietato sulla SS 76 nel tratto delle gallerie tra Fabriano Est e Ovest per lavori di ammodernamento degli impianti tecnologici e di sicurezza nelle gallerie “Malvaioli”, “Monticelli” e “Burano”. Il transito dei mezzi, inizialmente vietato nelle strade del comune di Fabriano, ora è nuovamente permesso senza obbligare i camion a lunghe strade alternative. Il sindaco Daniela Ghergo, vista la chiusura delle scuole e in attesa di ulteriori decisioni, fa il punto della situazione: “Il provvedimento era stato deciso a seguito del frequente passaggio di mezzi trasportanti merce pericolose sulla viabilità principale della città che costeggia scuole, quartieri densamente abitati e altri siti sensibili con ricadute sia sulla sicurezza che sull’inquinamento atmosferico. La problematica trova origine in alcuni provvedimenti di regolazione della viabilità presi da Anas. Il divieto ha creato problemi ai trasportatori interessati, con allungamento dei tempi di percorrenza e lievitazione dei costi resi più gravosi dai recenti aumenti dei carburanti”. Nell’ordinanza il primo cittadino spiega che “Anas si è impegnata ad accelerare, per quanto possibile, i tempi di completamento dei lavori di ammodernamento degli impianti tecnologici di sicurezza nelle gallerie in questione nel tratto fabrianese”.

Marco Antonini