SS 76 FABRIANO – LIMITAZIONI AI VEICOLI CHE TRASPORTANO MERCI PERICOLOSE

Fabriano – Anas ricorda che sulla strada statale 76 “della Val d’Esino” (direttrice Perugia-Ancona) è provvisoriamente in vigore l’obbligo di scorta tecnica per tutti i veicoli che trasportano merci pericolose nel tratto compreso tra gli svincoli di Fabriano Ovest e Fabriano Est (dal km 9,150 al km 17,600), come indicato dalla segnaletica verticale installata sul posto da luglio 2020 (ordinanza 275/2020). I mezzi pesanti che trasportano merci pericolose e che sono sprovvisti di scorta tecnica dovranno utilizzare itinerari alternativi (consigliata la SS77 “della Val di Chienti” Civitanova Marche-Foligno) in quanto sulla viabilità comunale vige il divieto di transito ai mezzi pesanti. La limitazione sarà in vigore fino al termine dei lavori di ammodernamento degli impianti tecnologici e di sicurezza attualmente in corso nelle gallerie “Malvaioli”, “Monticelli” e “Burano”, previsto a dicembre 2022, per un investimento complessivo di oltre 23 milioni di euro.

Il punto, dal nostro archivio – novembre 2021

Fabriano – Odissea sulla SS 76. Il sindaco Santarelli, a seguito di nota Anas sulla regolamentazione della viabilità sulla direttrice Ancona-Perugia, nei pressi di Fabriano, ha scritto una nota alla Prefettura per trovare una soluzione sul trasporto di merci pericolose. Non c’è pace per la Statale che deve essere ultimata tra Genga e Serra San Quirico. A seguito di alcuni provvedimenti presi da Anas, l’attenzione è andata sull’Ordinanza 275 nella quale è stato ordinato “l’obbligo di scorta per tutti i veicoli trasportanti merci pericolose su SS 76 dal km 9+150 al km 17+600” già da luglio. Viene indicato che “chi è diretto da Ancona in Umbria e viceversa, potrà in alternativa percorrere la SS 77 Val di Chienti”. Si legge nella missiva inviata dal sindaco, Santarelli, alla Prefettura: “Ho ricevuto la segnalazione dell’apposizione di cartelli lungo la SS 76 nelle uscite Fabriano Est e Fabriano Ovest di divieto di transito per i mezzi che trasportano merci pericolose in assenza di scorta. Nessuna comunicazione circa l’avvenuta applicazione dell’Ordinanza sopra richiamata risulta essere arrivata al Comune di Fabriano. Nonostante l’indicazione per cui la strada alternativa per questa tipologia di mezzi debba essere la SS 77, dal momento di apposizione dei cartelli abbiamo rilevato in città il passaggio quotidiano di numerosi mezzi trasportanti merci pericolose. La segnaletica apposta ai due svincoli costringe i mezzi ad attraversare l’intero centro abitato di Fabriano”. Da quanto appreso per le vie brevi da Anas, spiega Santarelli, “il motivo del divieto è da attribuirsi alla non adeguatezza, a livello normativo, relativo alla sicurezza dei trafori presenti lungo questa tratta”. Denuncia il primo cittadino: “Risulta singolare che questo problema venga risolto facendo transitare i mezzi che trasportano merci pericolose all’interno della città su una strada che costeggia scuole, quartieri densamente abitati e altri siti sensibili”. Santarelli ha chiesto la convocazione di un tavolo per individuare una soluzione per evitare che i mezzi che trasportano merci pericolose continuino ad utilizzare le vie cittadine. L’agonia delle strade del Fabrianese prosegue. E’ sempre chiusa, e lo sarà almeno fino a primavera, la SP16 che collega con Sassoferrato e il Pesarese obbligando i mezzi a fare strade alternative tortuose; la SP 48 Cabernardi-Montelago è chiusa per un altro mese trasformando la strada per Pergola nell’unica per prendere l’A14 a Marotta.

Marco Antonini

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy