Fabriano – 18enne arrestato per violenza, minaccia e resistenza e danneggiamento mezzo militare

Carabinieri e polizia procedono all’arresto di un giovane fabrianese. Nella notte tra sabato e domenica, personale del comando della Compagnia Carabinieri di Fabriano, successivamente raggiunto da quello del Commissariato di Pubblica sicurezza della città della carta, ha arrestato un diciottenne fabrianese in quanto ritenuto responsabile di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento veicolo militare. I Carabinieri sono intervenuti, su richiesta, presso un locale sito nel centro della città. Il giovane stava arrecando disturbo alla clientela. I militari, giunti sul posto, hanno chiesto i documenti all’uomo il quale, come risposta, ha dato in escandescenza avventandosi contro gli operatori con l’intento di colpirli e proferendo nei loro riguardi frasi ingiuriose e minacciose. Lo stesso giovane è stato prontamente bloccato e messo in messa in sicurezza all’interno di una vettura di servizio. Una volta a bordo l’uomo, mediante ripetuti calci, è riuscito a sfondare dall’interno il vetro posteriore con l’intento di uscire dal mezzo. Nel frattempo, sopraggiunta in ausilio la macchina del commissariato con i quali già da tempo in corso una proficua collaborazione, i militari hanno prelevato il ragazzo della vettura e lo hanno affidato in custodia gli agenti che lo hanno condotto presso la sede del comando Compagnia dei Carabinieri di Fabriano. Durante queste operazioni, nei pressi dell’auto di servizio, attirate dal richiamo del fermato, si era fermato un assembramento di persone che hanno colpito lievemente alle spalle due dei militari operanti. Questa mattina, presso il Tribunale di Ancona, l’Autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto. Il giovane è difeso dall’avvocato fabrianese Ruggero Benvenuto: “Questa storia – dichiara – è assai più complessa e merita un approfondimento istruttorio completo. Abbiamo prodotto un video. Avremo una lunga lista dei testimoni”. L’arresto è stato convalidato, il giovane rimesso in libertà. La prima udienza del processo si svolgerà il prossimo mese di febbraio.

 

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy