FABRIANESE ARRESTATO PER SPACCIO E RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE

Fabriano –  Nuova operazione antidroga dei militari. I carabinieri del Norm, infatti, hanno arrestato un trentenne fabrianese colto in flagranza di reato mentre cedeva un grammo di hashish ad una 25enne concittadina e poi fuggire all’alt dei militari. Dopo alcune segnalazioni su un via vai sospetto, nei giorni scorsi, i carabinieri in borghese si sono recati in una via del centro di Fabriano, assistendo a distanza alla scena di un uomo che all’interno del suo Suv stava consegnando una dose di droga ad una ragazza, poi scesa a piedi dall’auto. A quel punto sono state allertate le pattuglie per fermare il fuoristrada rimessosi in marcia, ma il conducente del mezzo, di fronte alla paletta rossa ha comunque tirato dritto, innescando un breve inseguimento tra le piccole vie dell’area del centro. Quando l’automobilista si è sentito braccato con la strada sbarrata dai carabinieri, ha lanciato dal finestrino un involucro contenente 10 grammi di hashish, subito recuperato dai militari. Sia per la fragranza di reato per spaccio sia per la resistenza a pubblico ufficiale concretizzata con il mancato stop all’alt, è scattato l’arresto. Dopo la convalida avvenuta in Tribunale, l’uomo è stato rimesso in libertà, mentre per la 25enne è stata scattata la segnalazione come assuntrice in quanto dalla successiva perquisizione è stata trovata in possesso di un grammo di hashish. La scorsa settimana un doppio arresto da parte dei carabinieri. 

Covid

Nel fine settimana i militari hanno anche provveduto ad effettuare 10 multe da € 400 ciascuna per le infrazioni alle restrizioni covid. Si tratta di persone residenti in città che sono state trovati in giro con la propria auto, senza una valida giustificazione. Di queste dieci: tre per mascherine non indossate, tre per accessi da altri Comuni a Fabriano, tre per chi viaggiava in auto senza giustificato motivo anche dopo il coprifuoco e una per il divieto di ingresso ai parchi. Leggi l’appello della dottoressa Saracino.

Sono 349 i positivi al covid rilevati nelle ultime 24 ore nelle Marche tra le nuove diagnosi, su 2.694 tamponi tesati complessivamente: “1.730 – fa sapere il Servizio Sanità della Regione – nel percorso nuove diagnosi (di cui 562 nello screening con percorso Antigenico) e 964 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 20,2%)”. Dei 349 positivi, ben 209 sono in provincia di Ancona, 86 in quella di Macerata, 21 in quella di Fermo, 18 in quella di Ascoli Piceno, 11 in provincia di Pesaro Urbino e 4 fuori regione. Questi casi comprendono soggetti sintomatici (62), contatti in setting domestico (71), contatti stretti di casi positivi (118), contatti in setting lavorativo (7), contatti in ambienti di vita/socialità (6), contatti in setting assistenziale (3), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (5), screening percorso sanitario (1). Per altri 76 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Sui 562 casi del Percorso Screening Antigenico “sono stati riscontrati 50 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 9%”.

Marco Antonini

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy