AUMENTANO LE CLASSI IN QUARANTENA A FABRIANO E SASSOFERRATO

Aumentano le classi in quarantena sia a Fabriano che a Sassoferrato. Nel dettaglio sono coinvolti tutti gli ordini di scuola, dall’asilo alle superiori. A Fabriano è in quarantena fino all’11 febbraio la sezione A e la sezione C della scuola dell’Infanzia di Santa Maria. La sezione B, invece, stessa scuola, finirà il periodo di didattica a distanza proprio oggi, 5 febbraio, con rientro in classe lunedì prossimo. Spostandoci dall’istituto comprensivo Aldo Moro al Marco Polo, troviamo la 1°media B in quarantena fino all’11 febbraio e la 4°B della primaria Mazzini a casa fino al 9 febbraio. Da oggi inizia il periodo di quarantena anche per una classe seconda della scuola media e per una sezione dell’Infanzia Ciampicali. Da segnalare anche la 3E del Liceo Classico con lezioni in modalità a distanza fino all’11 febbraio. A Sassoferrato, invece, la 1°B e la 2° B della media Brillarelli saranno in quarantena fino al 12 febbraio; le “apette” dell’infanzia Rodari (B3) fino ad oggi e rientreranno in classe lunedì mattina. Complessivamente, quindi, diverse centinaia di alunni sono a casa, alcune termineranno oggi, segno che l’emergenza non è ancora conclusa e il contagio, anche uno solo, può avvenire. Proprio per questo bisogna stare attenti. Spiega il sindaco di Sassoferrato, Maurizio Greci: «I casi di positività di cittadini residenti sul territorio comunale sono complessivamente saliti a 49, registrando 158 persone sottoposte a quarantena fiduciaria. Dal primo gennaio ad oggi sono stati 58 i nuovi casi, 36 i guariti». Il primo cittadino osserva una crescita dei casi: “Assistiamo a un sensibile aumento dei casi registrati – dichiara – e per questo si richiama tutti ad un più severo e rigoroso rispetto delle normative vigenti, per la tutela propria e di tutta la comunità: non possono, infatti, ritenersi ammissibili comportamenti non osservanti delle prescrizioni in essere, in particolare relativamente a distanziamento, utilizzo obbligatorio delle mascherine e divieti di assembramento. Si rammenta al riguardo che i trasgressori saranno puniti secondo quanto previsto dalle normative vigenti”.

Marco Antonini

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy