IL DIRIGENTE CAPALDO: “PROVVEDIMENTO DI REVOCA ILLEGITTIMO”

di Marco Antonini

Fabriano – “Il provvedimento di revoca del mio incarico è arbitrario, illegittimo e vessatorio sotto plurimi profili. Sono pertanto in procinto di adire le vie legali per la tutela dei miei diritti e della mia immagine professionale”. Così il dirigente Vincenzo Capaldo, il cui incarico, a un anno dalla firma del contratto è stato revocato a metà settembre dal sindaco, Gabriele Santarelli. Una questione che, a quasi due mesi di distanza, non è ancora risolta. In albo pretorio, infatti, c’è solo l’atto ufficiale che sancisce la fine del rapporto di lavoro. Manca l’allegato con le motivazioni che hanno portato la Giunta a prendere questa decisione. Proprio su questo si è concentrata l’attività dell’opposizione che, dal 22 settembre, sta facendo, periodicamente, richiesta di accesso agli atti per capire cosa è veramente successo. Il dirigente Capaldo, raggiunto telefonicamente, ha spiegato l’intenzione di ricorrere alle vie legali, e fare ricorso, perché la decisione viene considerata lesiva della sua immagine di professionista. Nella città della carta aveva ricoperto il ruolo di dirigente settore Assetto del Territorio, una delle figure chiave in un’Amministrazione pubblica. Spiega Capaldo: “Per il momento posso aggiungere poco altro. Sto lavorando con il mio avvocato. Ulteriori considerazioni in merito alla vicenda ed alla scelta adottata dal Comune di Fabriano – dice – verranno sottoposte al vaglio della Magistratura competente. Un problema di titoli? Non è vero che ho una laurea di tipo B”. Poche frasi che spiegano come la battaglia del dirigente sia solo all’inizio.

Tutto è cominciato il 21 settembre. Con il decreto firmato dal sindaco è avvenuta la revoca dell’incarico. Per arrivare alla nomina era stata fatta una selezione. I curriculum erano stati sottoposti ad analisi da parte di una commissione interna. Inizialmente avevano partecipato in 9. Di questi arrivano a colloquio solo 5 persone giudicate idonee. Poi a settembre la rimozione di Capaldo. Ad oggi non sono stati resi noti i motivi. Nel decreto, però, si legge che è stato predisposto un documento allegato “nel quale sono esplicitate le motivazioni che fondano la revisione del provvedimento sindacale, dal momento che la conoscenza sopravvenuta di determinati fatti induce ad una nuova valutazione dell’interesse pubblico a tutela del Comune di Fabriano, fondando la necessità della revoca del decreto 16 del 22 luglio 2019”. Dalla revoca ad oggi sono state fatte quattro richieste di accesso gli atti da parte dell’opposizione. La segretaria comunale, Ceccarani, ha risposto no per motivi di privacy. La Capigruppo ha firmato una mozione di censura che poi è stata eliminata dall’ordine del giorno del consiglio comunale di martedì scorso. Con l’ultima richiesta di accesso agli atti da parte dei consiglieri Balducci e Giombi si attende la consegna dell’documento allegato entro oggi, 3 novembre, altrimenti si potrebbe andare al Tar.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy