I CAMPANILI SI COLORANO DI PALIO, L’OMAGGIO AL PATRONO

di Marco Antonini

Fabriano – “Fino alla notte di San Giovanni Battista, Fabriano sarà illuminata dai colori del Palio Un segnale di speranza in un’estate particolare”. Il presidente dell’Ente, Sergio Solari, annuncia così il regalo che la principale manifestazione cittadina ha fatto a residenti e turisti. I campanili delle chiese di San Nicolò per Porta del Borgo, della Misericordia per Porta Cervara, di San Domenico per Porta del Piano, di San Biagio per Porta Pisana e di San Venanzio per l’Ente Palio, sul calar della sera prenderanno il posto del fuoco delle forgie e, con le loro luci, scalderanno le notti silenziose. “Nessun tamburo, nessun ‘aucco’, ma cinque luci che si leveranno alte nel cielo di questo Palio 2020 purtroppo annullato” dice Solari. Dopo aver addobbato il centro storico e l’area delle quattro Hostarie con drappi e vessilli del Palio, la nuova iniziativa si sposta, in alto, in cima ai campanili della città. Dalle ore 21 alle 6 del mattino, fino al 25 giugno, infatti, le torri campanarie saranno colorate, ognuno con il colore della propria Porta. Di bianco, invece, la Cattedrale che rappresenta l’Ente Palio. “Accendiamo le notti fabrianesi – conclude Solari – nei giorni storici di giugno in cui, da 25 anni, c’è sempre stato il Palio ad illuminare il giugno fabrianese. Grazie alle Porte questa colorazione notturna ci permette di onorare il patrono, San Giovanni, anche in epoca di Covid. Uno spettacolo bello da vedere con l’auspicio di tornare, quanto prima, in piazza”.

Ricordiamo che sabato e domenica, in centro storico, avrà luogo la vendita dei fiori per permettere a tutti di fare, in vista del patrono, la storica “Acqua di San Giovanni”, una tradizione secolare che va avanti di generazione in generazione che consiste nel lavarsi, il giorno del Santo, con l’acqua profumata con i fiori. Il giorno del patrono della città e diocesi, San Giovanni Battista, il 24 giugno, gli infioratori realizzeranno un’infiorata artistica in piazza San Giovanni Paolo II che potrà poi essere ammirata da tutti.