PROGETTI E STRISCIONI, L’OSPEDALE IN CONSIGLIO CON IL DIRETTORE GUIDI

di Marco Antonini

Fabriano – Il direttore di Area Vasta 2, Giovanni Guidi, è intervenuto oggi, 19 dicembre, in consiglio comunale a Fabriano, presso Palazzo del Podestà, per illustrare la situazione dell’ospedale Profili. Da tempo, infatti, si segnalano grossi problemi di carenza di personale in Ortopedia, Pronto Soccorso e Pediatria. Gli attivisti del Coordinamento cittadino polemizzano e si presentano in sala con uno striscione di protesta: “Dottor Guidi a quando la chiusura dell’obitorio?”.

“La situazione dell’ospedale Profili di Fabriano è sotto controllo. Abbiamo avuto criticità, ma stiamo cercando personale. Entro il 2021 il 97% dei tempi determinati della struttura verrà assunto a tempo indeterminato. Per Ortopedia il 16 gennaio ci saranno i colloqui per il nuovo primario”. Il direttore di Area Vasta 2, Giovanni Guidi, è intervenuto in consiglio comunale a Fabriano, presso Palazzo del Podestà, per illustrare la situazione del nosocomio. Nel dettaglio: “C’è la piena efficienza del settore chirurgico, Otorinolaringoiatria è un’eccellenza, come Urologia. I due nuovi primari, Pennacchi e Azizi – dice il direttore – stanno facendo un ottimo lavoro, con una mobilità anche da fuori regione”. Secondo Guidi, però, “dappertutto non si può avere tutto e bisogna puntare sulle eccellenze”. Bandito il concorso per il primario di Ortopedia (arrivate 9 domande) e, ieri, di Rianimazione. Mancano medici in Pronto Soccorso e, la situazione più grave, in Ortopedia. In quest’ultimo, comunque, il direttore ha precisato che lo staff in servizio, in ausilio con i medici di Jesi, “sta lavorando per la riduzione delle liste di attesa, quasi azzerate”. L’obiettivo è quello di avere personale il prossimo mese a seguito del concorso indetto da Area Vasta 1. Di Pediatria da riattivare nessuna traccia.

Polemica l’opposizione. Olindo Stroppa, Forza Italia: “Area Vasta 2 racconta favole. Speriamo che almeno un 10% diventi realtà. Abbiamo troppe carenze di personale. Non ho sentito parlare di Pediatria: abbiamo 8mila persone in fascia pediatrica”. Vinicio Arteconi, Associazione Fabriano Progressista: “Nel nuovo Piano Sanitario Regionale serve l’istituzione di un’Area Vasta Montana unica soluzione per sopravvivere. Nemmeno 10mila firme hanno sortito nessun effetto. Ci meritiamo questo smantellamento? Si stanno facendo troppi avvisi e pochi concorsi. Giocando sull’ignoranza delle persone è stata chiusa anche la Pediatria. 4.500 metri quadrati sono inagibili”. Dello stesso avviso, circa l’Area Vasta Montana anche il consigliere Andrea Giombi, Fabriano Progressista. Annunciato l’avvio di procedure per l’assunzione a tempo indeterminato di personale medico in Cardiologia, Fisiatria e Nefrologia. Nel dipartimento di Medicina, intanto, sono attivi 30 dei 40 posti previsti. Critiche sulla situazione di Pediatria (c’è solo un ambulatorio e non aperto tutti i giorni) invece che un reparto vero e proprio che si rischia di non avere più. Il sindaco, Gabriele Santarelli: “Serve visione unica, senza certezze sanitarie l’entroterra si spopola. Abbiamo bisogno di un investimento importante in area materno-infantile per uscire dall’isolamento”.

La dirigente Rosaria Ciancaioni: “Abbiamo avviato procedure per assunzione a tempo indeterminato di personale medico, pubblicato avviso per reclutamento di altro personale. Abbiamo avuto fuga di alcuni medici dal settore chirurgico, stiamo cercando di attivarci. A breve potrebbero arrivare 3 dirigenti medici. Dovrebbero arrivare anche un fisiatra e un nefrologo, un neuropsichiatra infantile e un oculista. Stiamo lavorando per Ortopedia. Per quanto riguarda i posti letto ne sono attivi 30 su 40 nel dipartimento di Medicina, 25 n ambito chirurgico, 7 in Otorino, 5 in Oculistica, 4 in Ginecologia più quelli nel Dipartimento di Emergenza”.

N.B. Alle parole seguiranno i fatti? Quel che è certo è che ai fabrianesi poco interessa di sanità (fuori facebook). A conti fatti c’erano 20/30 persone in consiglio comunale, le solite. 

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy