MONOSSIDO DI CARBONIO, MUORE UNA BAMBINA A SASSOFERRATO

di Marco Antonini

Sassoferrato – Monossido di carbonio killer. Una bambina di 10 anni muore nella sua abitazione ad Aspro di Coldellanoce. Gravissimo il fratellino di 7 anni. I genitori stanno bene. E’ stata la mamma a dare l’allarme e a chiamare immediatamente i soccorsi, ma per la figlia, che poco dopo sarebbe dovuta andare a scuola, non c’è stato nulla da fare. La causa della tragedia avvenuta questa mattina alle 7,15 nella piccola frazione del Comune di Sassoferrato, è tutta nella stufa artigianale presente nella stanza dove dormivano i due figli. Sul posto i vigili del fuoco di Arcevia e, da Ancona, una squadra di pompieri con un carro specializzato Nbc, nucleare batteriologico e chimico. Ad Aspro anche i carabinieri della stazione di Sassoferrato e l’ambulanza del 118. A perdere la vita la figlia della coppia, una famiglia del Sud America. Versa in gravissime condizioni il fratello che a breve verrà trasferito presso la camera iperbarica a Fano o Ravenna dove, ieri, 10 gennaio, sono stati ricoverati, per quasi una giornata, i baby calciatori di Matelica che sono rimasti intossicati, anche loro, da monossido di carbonio. Indagini in corso da parte dei militari della Compagnia di Fabriano.

Leggi di più, il precedente

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy