MIGLIORANO LE CONDIZIONI DI ALTRI QUATTRO FERITI

+++ AGGIORNAMENTO  ANSA +++

Uno dei setti pazienti ricoverati nelle due terapie intensive ad Ancona, dopo la tragedia di Corinaldo, è stato “trasferito in un reparto per acuti” e per lui “è stata sciolta la prognosi”. Così il bollettino medico degli Ospedali Riuniti. Degli altri sei degenti ancora in terapia intensiva, però, solo uno “rimane in ventilazione assistita mentre gli altri “sono stati estubati e sono in respiro spontaneo”. Alcuni di loro “sono assistiti nell’area semintensiva delle rispettive rianimazioni”. Per i sei pazienti “la prognosi resta riservata”. Ciascuno “segue un protocollo terapeutico diversificato a seconda delle condizioni cliniche e dei suoi specifici bisogni assistenziali”. “Per quanto riguarda le procedure autoptiche – informano gli Ospedali Riuniti – siamo in attesa delle disposizioni delle autorità competenti”.

 

Corinaldo – “Siamo vicini alle famiglie e ci auguriamo in tutti i modi che sia fatta subito chiarezza su questa tragedia che ha sconvolto l’Italia e noi tutti. E’ indispensabile che le dinamiche siano chiarite al più presto e accertate le responsabilità”: lo ha detto all’ANSA Shablo, il manager di Sfera Ebbasta, che era atteso per un dj set alla Lanterna Azzurra di Corinaldo la notte della tragedia in cui hanno perso la vita una mamma e cinque giovanissimi. Oltre al minorenne, altre 7 persone sono indagate nell’inchiesta per la morte di sei persone nella discoteca Lanterna azzurra di Corinaldo. Si tratta, hanno spiegato i pm, dei tre titolari della società che gestisce la discoteca e dei quattro proprietari dell’immobile.

Intanto migliorano le condizioni di altri 4 feriti in ospedale dei 7 pazienti in codice rosso. Sono stati estubati e respirano spontaneamente. Per tre di loro le condizioni seppur stabili sono ancora critiche. La prognosi per tutti rimane riservata. Si tratta di pazienti che oltre al trauma hanno subito un periodo più o meno prolungato di asfissia le cui conseguenze andranno valutate nel tempo.

“Lo spray al peperoncino ha salvato tante donne da violenze e stupri: va usato in maniera intelligente. Chi ne abusa per quello che mi riguarda non va richiamato, ma va arrestato anche se minorenne”. Così il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini ha risposto alla domanda se sia necessaria una revisione delle norme che regolano la vendita dello spray urticante.

Sarebbero un 27enne, originario di Fano, e la fidanzata che lavora come cameriera, i due fermati per possesso di droga dai carabinieri in un residence di Senigallia, dove avevano prenotato per un mese. In quel momento non erano in compagnia del minorenne, anche lui fermato per possesso di droga, che secondo vari testimoni sarebbe colui che ha spruzzato spray urticante nella discoteca Lanterna azzurra di Corinaldo. L’ipotesi che si fa strada è quella di una ‘banda’ di persone dedite alle rapine ai danni di coetanei che potrebbero aver utilizzato lo spray per creare disordine o coprirsi la fuga dopo furti nella discoteca dove sono morte sei persone a causa della calca.

Nonna del minorenne, non era nella discoteca – “Grazie a Dio non era in discoteca quella sera, non c’entra nulla. E’ stato con la sua ragazza tutta la notte”. Difende a tutto campo il nipote la nonna del 17enne di origine sudamericana fermato dai carabinieri per detenzione di stupefacenti e indagato per omicidio preterintenzionale e lesioni dolose e colpose perché sospettato di aver spruzzato lo spray urticante nella discoteca di Corinaldo. La donna, che abita in una frazione di Senigallia, nega però che il giovane sia stato fermato: “lo hanno portato via solo per chiedergli delle cose, ora è con la madre” che vive in Romagna. “Alcuni ragazzi dicono che è stato lui? Non è vero, lo sanno anche loro che non era lì”. Sul possesso di droga: “era delle altre persone, lui non c’entra”. “Non sono preoccupata – aggiunge la nonna – non c’entra con nessuna delle due cose”. (Ansa)

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy