CALCI E SPINTONI AI POLIZIOTTI DI FABRIANO, ARRESTATO 25ENNE

Nella notte tra sabato e domenica scorsi la Volante del Commissariato di Fabriano è intervenuta nei pressi di un locale pubblico del centro storico poiché era stata segnalata una rissa. Giunti immediatamente sul posto, l’attenzione dei poliziotti è stata calamitata da un cittadino tunisino 25enne con precedenti, che alla vista degli operatori inveiva contro di loro, e, avvicinandosi con fare minaccioso, addirittura sembrava voler coinvolgere uno di loro in una colluttazione. Nonostante i calci e gli spintoni dati ai poliziotti per sottrarsi al controllo, il giovane veniva bloccato ed accompagnato in Commissariato per gli accertamenti del caso. Poco dopo, visto che il suo stato di agitazione non accennava a diminuire e che le sue condizioni fisiche apparivano evidentemente precarie, visto anche l’inconfondibile alito vinoso promanato e la deambulazione incerta, veniva accompagnato in ospedale, ma lì, dopo essere stato sommariamente visitato da personale sanitario, rifiutava categoricamente ulteriori accertamenti clinici. All’atto di essere invitato a salire nella Volante, però, il tunisino ha riferito di non voler essere in alcun modo riaccompagnato in Commissariato per il prosieguo dell’attività, e ciò nonostante i molteplici tentativi di portarlo alla ragione. Ad un certo punto, inopinatamente, sferrava un pugno all’altezza dello zigomo destro del capo pattuglia della “Pantera” della Polizia, procurandogli una ferita che, successivamente, è stata giudicata guaribile con 5 giorni di prognosi. A quel punto è stato dichiarato in arresto ed associato agli arresti domiciliari su disposizione del Pubblico Ministero di turno. Stamattina il giudice ha suggellato la bontà dell’attività di Polizia Giudiziaria posta in essere dai poliziotti del Commissariato, diretto dal Dott. Tommasi, convalidandone l’arresto. Il processo è stato rinviato a breve. Nel frattempo, però, l’arrestato è stato proposto al Questore della Provincia di Ancona per l’irrogazione della misura di prevenzione dell’avviso orale.

cs

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy