FURTI ALL’AUTOLAVAGGIO DI CERRETO, SCOPERTO DA TELECAMERA E ARRESTATO

Cerreto d’Esi – Arrestato per furto aggravato. Ha manomesso più volte l’impianto che permette di cambiare le banconote e prendere gettoni per attivare la strumentazione necessaria per il lavaggio della macchina. L.M.R., 45 anni, originario del sud Italia, da tempo residente a Cerreto d’Esi, sposato, disoccupato, è stato colto il flagrante dai carabinieri di Fabriano che, da tempo, monitoravano la situazione presso l’autolavaggio situato nella piccola cittadina. E’ stato il proprietario ad accorgersi dell’ammanco perchè, quando andava a svuotare la cassa, i soldi depositati all’interno non corrispondevano ai gettoni distribuiti. L’imprenditore ha così sporto denuncia presso gli uffici della stazione dei carabinieri di Cerreto d’Esi che hanno nascosto proprio in prossimità della gettoniera una piccola telecamera per monitorare la situazione h24.

E’ stato immortalato tre volte un uomo, con un cappello per coprire il volto, che arrivava con un Ape Piaggio e, armato di cacciavite, smontava rapidamente le protezioni dell’impianto, prelevava il denaro contante all’interno e rimetteva tutto in ordine. Il furto è stato sempre fatto in pieno giorno, senza preoccuparsi di coloro che avrebbero potuto vederlo. I militari, una volta acquisito il materiale necessario, si sono appostati al distributore e hanno atteso il suo arrivo. Hanno ripreso l’uomo mentre effettuava il quarto furto continuativo e l’hanno colto in flagrante mentre stava richiudendo l’impianto. E’ stato arrestato. In caserma ha ammesso di averlo fatto in quanto stava passando un brutto periodo senza soldi. L’uomo ha chiesto i termini a difesa ed è stato rimesso in libertà in attesa di processo.

Marco Antonini

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy