L’ADDIO AI DUE OPERAI DELLA FABER DI SASSOFERRATO MORTI SULLA STRADA

“Siamo sconvolti per quello che è accaduto. In questo momento così difficile, faremo il possibile per far sentire la vicinanza dell’Azienda alle loro famiglie e ai loro cari. Daniele ed Enrico hanno sempre avuto un comportamento esemplare sul lavoro ed il loro esempio verrà ricordato insieme a tutti i nostri colleghi”. Così Riccardo Remedi, Managing Director di Faber, ricorda, commosso, i due operai dello stabilimento di Sassoferrato che, lunedì mattina 4 giugno, poco dopo le 5, hanno perso la vita in un drammatico incidente stradale mentre stavano andando al lavoro. Daniele Spigarelli, di Cerqueto di Gualdo Tadino, 44 anni, ed Enrico Rossi, 50 anni, di Casa Castalda, si stavano recando a Sassoferrato a bordo una Fiat Panda quando è avvenuto un drammatico frontale lungo la strada Flaminia nuova, zona San Pellegrino. Nell’incidente è morto anche un cinquantacinquenne originario di Cosenza che era alla guida di una 500. In seguito al forte urto Enrico è stato sbalzato dall’abitacolo. L’auto ha subito preso fuoco e Daniele è morto carbonizzato. Si è invece ribaltata l’altra utilitaria con l’operaio delle Ferrovie dello Stato morto sul colpo. Le cause dello scontro sono al vaglio delle forze dell’ordine. Gli agenti hanno raccolto tutti gli elementi possibili per avere una dinamica esatta dell’incidente anche perchè lunedì mattina non c’era nebbia, la visibilità era buona – albeggiava – e l’asfalto non presenta buche o avvallamenti tali da far deviare un’auto in corsa. Sia i carabinieri di Gualdo Tadino che gli agenti della polizia stradale hanno ascoltato ieri un testimone che ha assistito al terribile impatto: ha spiegato cosa ha visto e la sua percezione della velocità dei mezzi prima del frontale. Il colpo di sonno è una delle ipotesi più forti per gli investigatori sulle cause del sinistro. Probabile anche un malore del conducente. Non sono stati rilevati segni di frenata sull’asfalto. Oggi pomeriggio, 6 giugno, alle ore 16, nella chiesa parrocchiale di Cerqueto di Gualdo le esequie di Daniele Spigarelli. Tanti operai della Faber raggiungeranno la piccola cittadina umbra per dare l’ultimo saluto a un collega e a un amico. Domani, 7 giugno, le esequie di Enrico.

m.a.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy