DUCOLI (PD): ”PUNIRE È PIÙ FACILE”

Di Francesco Ducoli, segretario Pd Fabriano

“Punire e vietare è più facile che trovare soluzioni efficaci.
Fermo restando che i comportamenti incivili non devono mai essere tollerati, la presa di posizione del Sindaco non è assolutamente condivisibile: esistono due interessi da tutelare, da un lato la quiete ed il decoro per i residenti, dall’altro la libertà dei locali di svolgere legittimamente il loro lavoro.
Non si può pensare di sostituire la responsabilità individuale delle persone incivili con quella dei gestori: le evidenti carenze nella gestione dell’ordine pubblico da parte del Sindaco non possono essere sopperite con assurdi divieti. Ho l’impressione che queste uscite siano delle infelici trovate elettorali, fatte col solo scopo di dare l’impressione che il m5s sia attento ai problemi dei residenti adottando misure del tutto inefficaci. Perché invece non si sono concordate con gli stessi gestori modalità condivise per evitare schiamazzi e sporcizia? Ad esempio, come si fa tuttora in molti paesi europei, con la previsione di una cauzione sui contenitori in plastica a rendere delle bevande e con una maggiore presenza delle forze dell’ordine.
Questa ordinanza, invece, danneggia in modo grave ed ingiustificato le attività ed i locali serali, spesso gestiti da giovani che hanno fatto investimenti per il loro futuro, tra l’altro riqualificando zone del centro che altrimenti sarebbero rimaste deserte.
Mi sembra assurdo che, al fine di punire chi è incivile e sporca, si debbano pregiudicare tanti locali che danno lavoro e un servizio ai cittadini di Fabriano. Se usassimo la stessa logica dovremmo ordinare ai padroni dei cani di non farli uscire di casa perché qualcuno lascia le deiezioni per strada senza raccoglierle.
Il Sindaco si deve svegliare dal torpore nel quale ormai tutta la Giunta sembra caduta: queste uscite incomprensibili e dannose non possono mascherare l’inerzia e la mancanza di idee e prospettive.”

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy