BIMBO UCCISO, PADRE IN STATO DI FERMO

E’ in stato di fermo indiziato di delitto il 25enne disoccupato macedone sospettato di avere ucciso, soffocandolo o strozzandolo a mani nude, il figlioletto di 5 anni a Cupramontana (Ancona). Il giovane, apparso frastornato, è stato interrogato nella caserma dei carabinieri alla presenza del pm Valentina Bavai e avrebbe fornito risposte confuse, tali comunque da fornire sufficienti elementi di colpevolezza. La Procura al momento sta valutando le possibili ipotesi di reato. La famiglia (un altro bambino e la madre, incinta di un terzo figlio, oltre ad altri parenti, tra cui il padre del 25enne) non era seguita dai servizi sociali del Comune, perché – dice il sindaco Luigi Cerioni – non aveva chiesto assistenza.

Secondo gli investigatori il fatto sarebbe avvenuto nell’auto del padre, il piccolo sarebbe poi stato trasportato in casa con l’interventi di alcuni familiari che abitano nello stesso caseggiato e che avrebbero chiamato il 118. I sanitari intervenuti sul luogo hanno cercato di rianimarlo per oltre mezz’ora, ma invano. In casa c’era anche la madre, 24enne e incinta, in un tale stato di choc da rendere necessario il ricovero all’ospedale Carlo Urbani di Jesi. Sul corpo del piccolo non c’erano tracce di sangue, né segni immediatamente visibili di violenza, poi invece riscontrati sul collo dal medico legale. (Ansa)

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy