VERSO LA TARIFFAZIONE PUNTUALE DEI RIFIUTI

Terminata la sperimentazione delle prime 5 isole ecologiche a peso con percentuali di raccolta differenziata che si sono attestate sul 86%, l’Amministrazione comunale è pronta per l’installazione del nuovo sistema di raccolta in tutto il centro storico e nelle vie limitrofe Moccia, Zonghi, Stelluti, Serafini, IV Novembre.  Pronte 40 nuove postazioni che serviranno per circa 4mila persone residenti e molte attività commerciali. Ieri pomeriggio,  19 dicembre, al Palazzo del Podestà, la presentazione del progetto da parte del sindaco, Gabriele Santarelli. “Da febbraio – spiega – la raccolta differenziata a peso sarà realtà nel centro di Fabriano e nelle vie intorno. Ora dedicheremo tempo a consegnare la tessera personale di ogni nucleo familiare e a spiegare come funziona. La situazione migliora: scopare la raccolta porta a porta, esteticamente è un passo avanti”. Peccato però che il sistema ereditato e già sperimentato con cinque isole dalla giunta Sagramola “fa risparmiare denaro sulla gestione della raccolta nelle piccole vie del centro ma non fa risparmiare denaro ai cittadini: la tassa rifiuti, infatti, non diminuirà”. Individuate le postazioni c’è capire il funzionamento, poi il via tra meno di due mesi.

E’ un sistema di isole ecologiche intelligenti, ad accesso controllato attraverso una card che consente di pesare i rifiuti al momento del conferimento. Il sistema è dotato di telecamera e controllo informatico delle quantità dei materiali consegnati a pubblico servizio. Il controllo può essere anche da remoto presso le postazioni indicate dal Comune. Ad ogni utente viene quindi computato il peso dei rifiuti effettivamente prodotti. ­ Si può così avviare il percorso della tariffazione puntuale con una modularità della quota variabile della tariffa che rispecchia il principio “chi più inquina più paga”. Il sistema di funzionamento è molto semplice ed intuitivo. Le abitudini all’interno delle abitazioni non cambiano, ciò che viene modificato è il modo di buttare i propri rifiuti. Nell’area oggetto di sperimentazione sono state installate le strutture ECOFIL e ad ogni utente ha ricevuto una card una card. Il sistema di utilizzo è analogo alle comuni bilance del supermercato. L’utente una volta fatta passare la card sull’apposito sensore abilita la schermata del sistema e spinge il tasto di riferimento del rifiuto che deve essere buttato. Poi appoggia il rifiuto sulla bilancia, esce l’etichetta di riferimento del peso e si apre in automatico il bidone corretto del rifiuto da buttare. Il sistema consente di avere un’elaborazione dati in modo che ad ogni utente sia attribuita l’effettiva quantità di rifiuti che ha conferito e quindi si riesce ad attribuire ad ogni nucleo familiare la percentuale corretta di raccolta differenziata. ­ Ciò consentirà di modulare la tariffa delle singole utenze. Con questo progetto il Comune di Fabriano ha ottenuto a Bologna il Premio Innovazione. Gli uffici comunali hanno riferito che il bando è stato pubblicato presso l’albo pretorio e nei prossimi mesi il progetto diventerà realtà.

m.a.

 

 

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy