150 ESUBERI, PROCEDURA DI VENDITA A UN FONDO AMERICANO

Sono 150 gli esuberi nelle cartiere di Fabriano mentre si attende l’arrivo di nuovi ordinativi dall’estero e la procedura di vendita a un Fondo americano. Il reparto carta monete dello stabilimento Fedrigoni in difficoltà. Avviati una serie di incontri con i sindacati. Dell’argomento si è anche parlato nell’ultimo consiglio comunale. Preoccupazione per le cartiere cittadine. Con la perdita della commessa per l’India il reparto ha perso la produzione di 5mila tonnellate di carta che corrispondono a sei mesi di lavoro per tre linee produttive. Per quanto riguarda l’Euro si è azzerata la produzione per gran parte del 2018: tutto ciò a seguito della decisione della Banca Centrale Europa che ha tolto il 50% delle commesse alle cartiere Fedrigoni affidandole, senza bando, a una cartiera francese. A seguito delle assemblee di stabilimento tra operai e Rsu e con la proprietà è emerso il dato più allarmante: 150 esuberi. Sono già stati formulati diversi piani di emergenza: ferie scaglionate per chi ne ha accumulate durante l’anno; negli stabilimenti di Fabriano e Rocchetta alcuni potranno usufruire dell’accompagno alla pensione e con l’avvio delle due linee nello stabilimento di Pioraco si potranno recuperare altre 25 unità da dirottare nel sito Maceratese. A preoccupare gli operai anche la perdita della figura importante dell’Amministratore delegato: a Claudio Alfonsi, persona molto legata al territorio, causa malattia, è subentrato il proprietario, Alessandro Fedrigoni. Contemporaneamente è in atto la procedura di vendita dell’azienda a un Fondo americano che si concluderà alla fine del 2017. L’azienda, in più occasioni, ha rassicurato i dipendenti. Si attende l’esito delle trattative per nuove commesse. Proprio in questi giorni, ad esempio, è arrivato l’ok per la lavorazione di 500 tonnellate di carta e si aspetto il responso di una importante commessa dalla Turchia. “Vigileremo – ha detto l’Amministrazione comunale di Fabriano – e daremo tutto il supporto necessario per cercare di scongiurare la cessazione della produzione della carta moneta nel nostro territorio”.

Marco Antonini

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy