TERREMOTO, MATELICA SU BELL’ITALIA

Il numero di settembre di Bell’Italia dedica un ampio reportage a Matelica, mettendo in evidenza la voglia di ricominciare della comunità dopo il sisma.  “Un’importante occasione di visibilità – commenta Cinzia Pennesi, assessore comunale alla Cultura e al Turismo -. Siamo orgogliosi che la città sia stata scelta come modello di riferimento, sia per le sue bellezze che per le azioni intraprese dall’amministrazione. Di Matelica si racconta il paesaggio, inteso non solo come orizzonte visivo, ma come insieme di usanze, cultura e abitudini che fanno una comunità e che sono fondamentali per tornare alla normalità”. Il direttore Emanuela Rosa-Clot dedica l’editoriale alle storie di rinascita dopo il terremoto, portando come caso emblematico la città, con la riapertura del piano terra del Museo Piersanti e capolavori che “valgono il viaggio”. (Ansa)

Studio di microzonazione sismica di III° livello

Il 30 agosto, nell’area di proprietà comunale sita tra Via Sciamanna e Via Cegna sono iniziati i lavori per l’esecuzione di un sondaggio a carotaggio continuo (per una lunghezza complessiva di almeno 35 metri), con prelievo di campioni indisturbati, esecuzione di prove in sito (almeno prove SPT, quando possibile) e attrezzato per prova Down-Hole (DH), attività legata agli studi di microzonazione sismica di III° livello del territorio comunale di Matelica in corso di definizione. Con l’ordinanza 24 del 12 maggio 2017, il Commissario del Governo per la ricostruzione nei territori interessati dal sisma del 24 agosto 2016 aveva assegnato i finanziamenti per gli studi di microzonazione sismica di III° livello ai Comuni interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 Agosto 2016, tra cui anche Matelica. Con Determinazione 613/2017 l’incarico per la realizzazione degli studi di microzonazione sismica di III° livello del territorio comunale di Matelica è stato conferito al Dottor Massimo Gubinelli di Matelica, il quale aveva già redatto lo studio di I° livello. Per le stesse finalità, un secondo analogo sondaggio è stato eseguito, giorni fa, nell’area retrostante il Convento di S. Francesco, nel centro storico.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy