SALTA IL CONSIGLIO COMUNALE, E’ POLEMICA

Il Sindaco ieri a Roma per trattare dopo la sentenza Penzi e il consiglio comunale salta. Palazzo Chiavelli non raggiunge mai il numero legale e, dopo 4 chiamate, la seduta viene annullata. La maggioranza attacca l’opposizione. L’opposizione se la prende con il primo cittadino che poteva rimandare di un giorno la seduta e comunicare meglio con tutti i consiglieri e con gli assenti della maggioranza che non hanno garantito il numero legale per iniziare i lavori. “Abbiamo garantito la nostra presenza anche in sede di discussione sul bilancio – dichiara Emanuele Rossi – ma ieri no. Era una giornata troppo importante per il nostro futuro. Dovevamo essere informati prima dell’assenza del Sindaco. Si parla di tagli al sociale: nessuno pensa che forse prima di dire certe cose dobbiamo parlarne? Il nostro ruolo, in questo modo è stato sminuito”. Anche Pino Pariano all’attacco. “Sagramola poteva spostare di 24 ore la seduta e tutto si sarebbe sistemato”. Deluso il Movimento 5 Stelle. “Ci dispiace. Questa vicenda va avanti da mesi. E’ mancato il confronto, come durante l’incontro tra sindaco e capigruppo dei giorni scorsi. Ancora non sappiamo – hanno detto Arcioni e Romagnoli – se la rateizzazione è l’unica strada percorribile: manca un’analisi che approfondisca la sentenza. I cittadini hanno il diritto di sapere cosa può e deve fare il Comune e chi sono i responsabili di questa ennesima crisi”. Urbano Urbani chiarisce subito che “questa presa di posizione di tutta la minoranza non è una ripicca ma un atto di responsabilità. Sagramola – ha detto insieme a Leli e Silvi – doveva spostare il Consiglio”. Duro anche Silvano D’Innocenzo. “Nonostante il periodo difficile sembra che primo cittadino e maggioranza siano attenti a mantenere la poltrona”. Di pensiero diverso la maggioranza. “È con profondo rammarico che prendiamo atto del rinvio del Consiglio Comunale di Fabriano di oggi pomeriggio a causa della volontaria assenza di tutti i consiglieri di minoranza: poco prima, infatti, in sede di commissione consiliare, maggioranza e minoranza avevano raggiunto un’intesa unanime relativamente al mantenimento dell’ufficio del Giudice di Pace, principale argomento all’ordine del giorno. Noi pensiamo che la Politica sia una cosa seria – hanno detto – e non un teatrino dove la responsabilità viene dopo futili speculazioni mediatiche: l’aver impedito lo svolgimento del Consiglio va contro gli interessi della città di Fabriano, in quanto questa sera avremmo potuto riconfermare fin da subito un servizio importante quale è il Giudice di Pace. Soprattutto in un periodo come questo, ci saremmo aspettati maggiore senso di responsabilità da parte di tutte le forze politiche.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy