AMIANTO, UN MILIONE DI RISARCIMENTO A FIGLI VITTIMA

Fincantieri dovrà risarcire 1,1 milioni di euro ai tre figli di un ex operaio, originario di Jesi, morto a 55 anni il 28 aprile 2006 per un mesotelioma pleurico, una patologia derivante dall’esposizione alle polveri d’amianto. Lo ha stabilito il giudice del lavoro di Ancona Andrea De Sabbata in una causa avviata dai figli tramite l’avv. Marco Guidotti. La contestazione all’azienda, in particolare, riguardava la mancata adozione di idonee misure di sicurezza per impedire la dispersione delle polveri killer. Fincantieri aveva contestato la pretesa risarcitoria, sostenendo che la morte dell’operaio non fosse riconducibile a mesotelioma bensì a un sarcoma non ascrivibile all’esposizione all’amianto. (Ansa)

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati !!
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy